Le liste di proscrizione del COPASIR: il colpo di coda dello stato profondo italiano

di Cesare Sacchetti

Stamane apro il Corriere e apprendo che il COPASIR, presieduto da Adolfo Urso FDI, ha compilato una sorta di lista di proscrizione dei giornalisti considerati “agenti di Mosca”. Tra i nomi indicati nel rapporto c’è il mio e vengo rappresentato come un “noto giornalista e diffusore di disinformazione”. Ora ci sono alcuni gravi fatti da far notare riguardo a questo rapporto.

Il primo, e il più clamoroso, è che il COPASIR ha violato espressamente il mandato che gli è stato assegnato. Il compito del COPASIR non è quello di stabilire chi fa, secondo i loro standard alla rovescia, informazione corretta e chi no. Il compito del COPASIR è quello di vigilare sull’attività dei servizi segreti italiani così come prevede la legge con la quale questo comitato è stato istituito, la 124 del 2007.

Se, ad esempio, il comitato avesse fatto il suo mestiere avrebbe dovuto fare luce sul ruolo avuto dai servizi nello Spygate nell’ottobre del 2016

Advertisement
e nell’Italiagate nel novembre del 2020. Non sembra che il COPASIR si stia dedicando a ciò che dovrebbe fare dal momento che l’attuale presidente, Urso, ha autorizzato questo rapporto che viola le prerogative del comitato.

Il secondo fatto, non meno grave del primo, è che un organismo parlamentare metta nel mirino dei giornalisti liberi e indipendenti accusandoli di “essere agenti russi”, non solo senza avere una minima prova al riguardo ma di fatto lanciando un gravissimo attacco alla stampa libera, non quella mainstream ovviamente.

Ci si chiede dove sia in tutto questo l’ordine dei giornalisti che non dice nulla di fronte a questa inaudita e grave violazione che il COPASIR ha appena commesso nei confronti di diversi giornalisti, messi in delle liste di proscrizione da questo organo parlamentare. Ci si chiede ovviamente anche dove siano il Capo dello Stato, il presidente del Consiglio e il Parlamento stesso che dovrebbero vigilare per impedire che il COPASIR vada oltre i limiti del suo mandato.

Quando poi si dà uno sguardo alla composizione del COPASIR si nota che sono tutti lì. I controllori sono i controllati e viceversa. Considero questo atto del COPASIR come il colpo di coda di un sistema politico giunto al suo ultimo stadio. La legislatura volge al termine. Il governo Draghi non si sa nemmeno se supererà l’estate. Ci sarà occasione in futuro di approfondire le numerose violazioni alle leggi e alla Costituzione che sono state fatte nel corso di questi ultimi due anni, tra le quali c’è da registrare anche questa ultima commessa dal COPASIR.

Questo blog si sostiene con le donazioni dei lettori. Se vuoi aiutare anche tu la libera informazione, clicca qui sotto.

11 thoughts on “Le liste di proscrizione del COPASIR: il colpo di coda dello stato profondo italiano

  • 5 Giugno 2022 in 9:48
    Permalink

    Tira una brutta aria in un cielo bianco latte.
    Un tempo malato come questa societa’.

    Assistiamo ad una progressione lenta verso la guerra. Tipica del liberismo.
    Ucraini polacchi e poi altri utili idioti.

    Ormai hanno gettato la maschera.

    Sig Sachetti lei crede davvero che lasceranno scegliere all’ Italia il suo futuro?

    Avverrebbe solo se crollasse l’ordine anglo fariseo del Moloch della moneta Fiat.
    Il peggio oggi è in Europa votata al suicidio totale.

    Risposta
  • 5 Giugno 2022 in 10:25
    Permalink

    MANDA UN INDIRIZZO MAIL PER PARTECIPARE OGGETTIVAMENTE A QUANTO STA SUCCEDENDO GRAZIE

    Risposta
  • 5 Giugno 2022 in 12:54
    Permalink

    Sono perfettamente d’accordo con Cesare. Draghi e tutti partiti di governo compreso l’opposizione porteranno l’Italia alla rovina. Io purtroppo sono un elettore di FdL che non voterò più.

    Risposta
    • 5 Giugno 2022 in 19:23
      Permalink

      Tutti questi partiti non avranno più il mio voto. Ma all’orizzonte non c’è nessuno che possa fare nascere la speranza, forse paragone? Uscire dall’euro dovrebbe essere la prima buona mossa, però mi fido poco è cmq un ex 5 stelle. Voltagabbana anche lui?

      Risposta
      • 6 Giugno 2022 in 13:43
        Permalink

        Ho seri dubbi sull’onestà di Paragone non perchè è un ex 5stalle, che, ahimè, ho pure votato, ma piuttosto per la sua assidua presenza nelle varie televisioni per cui la domanda che mi pongo perchè sempre lui e sempre solo lui? Perchè non viene mai ridicolizzato come successo, per esempio, ad Orsini? Preferisco dare un voto a Francesco Toscano che ritengo, con beneficio d’inventario, seriamente impegnato per cercare di dare una svolta a questo fantastico paese che era l’Italia

        Risposta
        • 6 Giugno 2022 in 14:40
          Permalink

          Roberto, sei ovviamente libero di votare chi vuoi, ma ti chiedo di non fare commenti di propaganda politica qui. Grazie.

          Risposta
  • 5 Giugno 2022 in 17:05
    Permalink

    Una medaglia essere nelle liste di proscrizione del Copasir ! 👍👏😉

    Risposta
  • 6 Giugno 2022 in 9:56
    Permalink

    Prima di sapere della lista del Copasir non la conoscevo nemmeno (e mi scuso della mia ignoranza), adesso intendo seguirla costantemente: ho letto alcuni suoi recenti posts, e mi ci sono sostanzialmente ritrovato. Spero anch’io che la vergognosa guerra alla Federazione Russa (vergognosa soprattutto per l’ignavia con cui è fatta dal c.d. Occidente, illudendosi stupidamente che con i soldi si possa ottenere tutto), si concluda prima o poi con l’implosione della Unione europea, con la fine dell’egemonia statunitense e, ciò che mi sta maggiormente a cuore, con la cancellazione di questa classe dirigente, per la cui sopravvivenza sono certamente avviate certe iniziative

    Risposta
  • 6 Giugno 2022 in 10:16
    Permalink

    Solidarietà. E’ un episodio gravissimo, purtroppo uno dei tanti, senza che si riesca a vedere una reazione, non solo rabbiosa, ma organizzata…

    Risposta
  • 6 Giugno 2022 in 14:36
    Permalink

    Ho appena letto che le due “giornaliste” del Corriere della Serva si sono inventate la lista, perché il COPASIR non ha fatto nessuna relazione. Meglio così, ma no comment…

    Risposta
    • 6 Giugno 2022 in 14:39
      Permalink

      Dove lo hai letto, Irene?

      Risposta

lascia un commento