L’Economist ha annunciato la catastrofe globale che porterà al nuovo ordine mondiale?

di Cesare Sacchetti

A volte dare uno sguardo al settimanale britannico The Economist può essere un esercizio utile.

Non certo per ascoltare il consumato verbo del neoliberismo anglosassone, ma per comprendere meglio quale sarà la prossima mossa delle élite.

Dal momento che i principali azionisti di riferimento dell’Economist sono gli Elkann e i Rothschild, una delle famiglie di banchieri più potenti al mondo, ciò che appare sulla pagine di questo settimanale non va affatto trascurato.

Questa rivista è nota soprattutto per le sue copertine spesso cariche di simboli che annunciano quali saranno gli scenari che hanno in mente gli ambienti del mondialismo che contano.

Un esempio recente in questo senso viene dalla copertina pubblicata nel pieno dello svolgimento della crisi da Covid, con un titolo piuttosto eloquente. “Tutto è sotto controllo.”

Sotto il titolo era rappresentata una enorme mano che teneva al guinzaglio un passante che a sua volta teneva al guinzaglio il suo cagnolino.



Non è difficile intuirne il significato. La mano è la mano del potere mondialista che con lo spauracchio del Covid ha mostrato di riuscire a controllare completamente le masse e a spogliarle della loro libertà adombrando il pericolo di un virus letale che in realtà non c’era, e tuttora non c’è, come dimostrato da scienziati indipendenti e non al soldo del regime.

La nuova copertina della rivista si intitola invece “La prossima catastrofe” e mostra una famigliola seduta sul divano composta da tre persone e un gattino.

I genitori indossano delle maschere antigas dello stesso tipo che venivano portate ai tempi della prima guerra mondiale, quando furono usate per la prima volta le armi batteriologiche.

Il bambino, dall’aria spaurita e smarrita, indossa un elmetto da guerra mentre il gattino indossa lo stesso tipo di maschera antigas portata dai suoi genitori.

Alle spalle della famiglia, dietro il divano, ci sono sette quadretti ognuno dei quali evoca il possibile prossimo disastro in arrivo.

Si parte da sinistra verso destra con la prima immagine che raffigura un suino, e qui i riferimenti ad una pandemia dovuta ad un virus che deriva da questo animale sono ovvi e scontati.

E’ infatti giunta da poco la notizia di un possibile arrivo di un fantomatico agente virale presente nei maiali tale da scatenare una nuova pandemia.




Questo virus sarebbe dello stesso ceppo del virus dell’influenza suina H1N1 del 2009.

All’epoca l’OMS si affrettò subito a dichiarare che il virus H1N1 aveva creato le condizioni di una pandemia, ma un rapporto del Consiglio d’Europa dimostrò che non si trattò altro che di una enorme truffa che “provocò lo spreco di denari pubblici e ingiustificate paure sui rischi sanitari affrontati dal pubblico europeo.”

Paul Flynn, l’autore del rapporto, criticò aspramente l’OMS per aver dichiarato una pandemia che in realtà “non c’è mai stata.”

Questo è certamente utile per ricordare che il sistema ama i vecchi “successi” e ha pensato bene di riesumare il virus della suina che non provocò mai nessuna reale pandemia, ma sicuramente portò profitti reali nelle tasche del cartello dell’industria farmaceutica.

Allora come oggi, la pandemia è esistita, ma solo sui media, non secondo dei seri criteri medico-scientifici.

Nel secondo quadretto, c’è l’immagine di un’eruzione vulcanica, e l’allusione che qualche vulcano attivo nel mondo possa improvvisamente eruttare appare chiara.

A questo riguardo, è sicuramente utile citare un’opera di Zbigniew Brzezinski, membro della potente commissione Trilaterale fondata nel 1973 da David Rockefeller, intitolata Tra due età, il ruolo dell’America nell’era tecnotronica pubblicata nel 1970.

Nel suo saggio, Brzezinski arriva espressamente a ipotizzare che in futuro gli avanzamenti tecnologici consentiranno di sviluppare delle armi in grado modificare il clima a piacimento.

L’ex membro della Trilaterale scriveva che tali tecnologie saranno in grado di provocare “prolungati periodi di siccità o tempeste.”

Non solo quindi si potrebbero usare queste armi climatiche contro Paesi che per varie ragioni si disallineano dalle direttive del mondialismo, ma si potrebbero anche usare per provocare cambiamenti climatici artificiali e darne la colpa poi all’inquinamento prodotto dall’uomo.

Non è un caso che negli ambienti globalisti si ripeta come un mantra che questo tipo di problematiche non possano essere affrontate da un singolo Stato nazionale, ma debbano essere gestite dalle istituzioni sovranazionali governate proprio dal gotha globalista.

Queste crisi, reali oppure no, finiscono inevitabilmente per fare al meglio gli scopi dei circoli mondialisti.

Il terzo quadretto mostra un ghiacciaio sciolto, e anche qui le allusioni alle teorie del mainstream sui presunti effetti dei cambiamenti climatici sono abbastanza chiare.

Al centro della parete, c’è un orologio che segna un minuto dalla Mezzanotte e questo si tratta di un chiaro riferimento all’orologio dell’Apocalisse ideato nel 1947, dove lo scoccare della mezzanotte significa la fine del mondo dovuta a disastri ambientali o alle conseguenze di una guerra nucleare.

Nei restanti quadretti vengono rappresentati un asteroide che colpisce la Terra, virus e batteri a significare un ritorno del Covid o di altri virus sconosciuti, un fungo nucleare probabile conseguenza di una guerra atomica e infine il sole in preda ad un’esplosione solare.

A questo punto, ci si chiede quale sia il messaggio l’Economist voglia trasmettere.

Da tempo, i media di tutto il mondo e i loro scienziati di riferimento stanno annunciando una seconda ondata di Covid, quando attualmente non esistono le condizioni minime per poter fare affermazioni del genere.

Si è usciti da tempo nel campo della scienza e si è entrati in quello della sciamanologia, dove lo stregone del villaggio minaccia la caduta di fulmini dal cielo contro coloro che non si atterranno al volere degli spiriti.

Il fuoco della paura nell’opinione pubblica deve essere tenuto vivo e alimentato. Se la paura di una seconda ondata, vera o virtuale che sia, non dovesse essere sufficiente, appare certo comunque che le élite stanno pensando a propiziare uno o più eventi catastrofici.

Il sistema ha bisogno di scatenare una crisi così grossa e spaventosa tale da provocare la chiamata universale al governo unico mondiale

Il discorso di Ronald Reagan tenuto davanti all’assemblea dell’ONU del 1987 spiega perfettamente la logica che sorregge la base del globalismo.

“Forse abbiamo bisogno di quache minaccia esterna universale per farci riconoscere questo comune vincolo. Io penso occasionalmente quanto rapidamente le nostre differenze nel mondo sparirebbero se ci trovassimo ad affrontare una minaccia aliena esterna a questo mondo.”

In quell’occasione, il presidente americano paventò una sorta di invasione aliena, indispensabile per arrivare all’unione delle nazioni verso il vincolo di un unico organismo sovranazionale per affrontare questa nuova minaccia.

Dall’invasione aliena alla pandemia. Le minacce che vengono agitate cambiano, ma il pensiero che le governa è sostanzialmente invariata.

Più grande è la crisi e più grandi saranno i suoi effetti devastanti, più alte saranno le probabilità di chiedere la rinuncia definitiva delle sovranità nazionali per invocare l’intervento di unico organismo internazionale che si sostituisca alle nazioni.

Lo spettro di un pericolo esterno senza precedenti che incombe sul pianeta serve a piegare le ultime resistenze e a trasferire ogni potere verso questa nuova autorità globale.

Il nuovo ordine mondiale sta pertanto cercando disperatamente la madre di tutte le catastrofi. Per arrivare a destabilizzare il mondo e a trascinarlo verso uno stato apocalittico senza precedenti, occorrono uno o più eventi catalizzatori.

Quando il panico e il caos avranno raggiunto l’apice, allora le élite offriranno alle masse la soluzione alla quale le prime aspirano da tempo.

Stavolta quindi il mondo sta per avvicinarsi a degli scenari di instabilità e di paura distribuita dal mantice dei media di regime, se possibile ancora più grandi di quanto accaduto con il Covid.

L’Economist ha pertanto voluto trasmettere questo messaggio. Il mondo, volente o nolente, dovrà giungere alla mezzanotte dell’Apocalisse, perchè solo quella condizione permetterà il completamento del nuovo ordine mondiale.

E il libro da leggere per comprendere meglio quanto sta accadendo ora nel mondo non è un testo di economia o di geopolitica.

Il libro da prendere in mano in questi giorni è l’Apocalisse, la Rivelazione della fine del mondo trasmessa da Cristo a Giovanni.

Se si sfogliano le sue pagine, si ha la netta sensazione che il pianeta si trovi davvero vicina alla serie di eventi catastrofici descritti nella Rivelazione che saranno l’anticamera dell’arrivo della Bestia, l’uomo che si metterà a capo della dittatura globale che sta marciando a passo spedito.

Il mondo non sembra mai essere stato così vicino a questo scenario.

Il significato della copertina dell’Economist sembra essere proprio questo. Si è ad un passo dall’Apocalisse e le élite faranno di tutto per preparare la venuta dell’uomo che guiderà il governo unico mondiale.

Non possono non essere citate a questo proposito le potenti parole che l’Arcivescovo Viganò ha trasmesso a Trump. C’è una battaglia in corso tra i figli delle tenebre e i figli della luce.

Se non si comprende la visione escatologica degli eventi, difficilmente si riesce a dare una spiegazione razionale a quanto sta accadendo in una società in preda alla schizofrenia e isteria più totale.

Presto arriverà il momento delle scelte e chi non vuole trovarsi dalla parte sbagliata, forse farebbe meglio a rileggersi Giovanni.

Il male alla fine perderà, ma occorrerà farsi trovare pronti perchè quello che sta per arrivare è qualcosa che il mondo fino ad ora non ha mai visto.

Questo blog si sostiene con le donazioni dei lettori. Se vuoi aiutare anche tu la libera informazione, clicca qui sotto.

https://www.paypal.me/CesareSacchetti

30 pensieri riguardo “L’Economist ha annunciato la catastrofe globale che porterà al nuovo ordine mondiale?

  • 3 Luglio 2020 in 18:51
    Permalink

    Ok però forse bisognerebbe leggere l’articolo oltre che interpretare la copertina … lei suppongo l’abbia letto …che dice?

    Rispondi
    • 3 Luglio 2020 in 18:58
      Permalink

      Che i singoli governi nazionali non sono pronti per affrontare i disastri che l’Economist paventa.

      Rispondi
    • 5 Luglio 2020 in 11:12
      Permalink

      In realtà,bisognerebbe saper leggere maggiormente le immagini/simboli,con lr quali parlano da sempre in maniera” onesta”, che tramite le parole utilizzate,che non fanno altro che divulgare bugie confusionarie perché si contonui a esser bravi e servizievoli goyim

      Rispondi
      • 9 Agosto 2020 in 12:14
        Permalink

        Beh, hai ragione. I simbolo e una lingua chiave…

        Rispondi
  • 3 Luglio 2020 in 21:20
    Permalink

    analisi perfettamente indovinata…….la Bibbia nn sbaglia una virgola…DIO e veritiero e onnipotente,vegliamo xke nn sappiamo quando arrivera’…….nwo,oms ecc ecc stanno spianando la via all’anticristo……okkio guys

    Rispondi
  • 3 Luglio 2020 in 23:15
    Permalink

    Si tutto ok, ma la domanda da porsi è diversa. Cosa possiamo fare noi comuni mortali di fronte a tutto questo? D’altro canto si combatte contro forze immensamente più grandi e forti!!

    Rispondi
    • 5 Luglio 2020 in 13:25
      Permalink

      La forza piu grande che esiste sulla terra è la volontà umana,che si crea con la giusta informazione ed educazione…..vioè l opposto di quello proposto da onu,nato, u.e.ed affiliati…

      Rispondi
    • 6 Luglio 2020 in 17:19
      Permalink

      Usare i neuroni che abbiamo in testa.

      Rispondi
      • 15 Agosto 2020 in 10:46
        Permalink

        Si condivido l analisi, però è anche vero che potrebbero farlo solo per spaventarci, sono anni che divulgano simboli del genere, meteoriti e bombe atomiche e non è mai successo nulla quindi non lasciatevi suggestionare ….

        Rispondi
    • 7 Luglio 2020 in 0:10
      Permalink

      Digiuno e preghiera sono la forza e la risposta del cristiano

      Rispondi
    • 5 Agosto 2020 in 13:28
      Permalink

      pregare e ed essere noi amorevoli con il nostro prossimo

      Rispondi
  • 4 Luglio 2020 in 0:09
    Permalink

    Incollo dal sito “Libera espressione ” da canale Telegram (scusate il maiuscolo).

    Sarà quasi sicuramente così:

    PLAN-DEMIC 2

    SLOVENIA, BOSNIA, CROAZIA OFFRONO DA € 1000 a € 5000 EURO AD OGNI PERSONA CHE ACCETTI UNA DIAGNOSI DI COVID19 COME CAUSA DEL DECESSO DEL CONGIUNTO O PARENTE STRETTO.

    SI STA VERIFICANDO CIÒ DA LUNEDÌ QUINDI PREVEDIAMO AUMENTI GRADUALI E DISSEMINATI DI CASI FAKE IN TUTTA EUROPA.

    C’È MOLTA FRETTA DI GONFIARE I NUMERI E VENGONO COINVOLTI MEDICI, DIRIGENTI DELLE STRUTTURE OSPEDALIERE, C’È MOLTA FORZA FINANZIARIA A SUPPORTO DI QUESTA TRUFFA.

    COME PREVISTO USERANNO LA SCUSA DELLE FRONTIERE APERTE PER IL TURISMO PER INCOLPARE GLI STRANIERI E DIFFONDERE PAURA DELLO STRANIERO.

    LA COLPA È DEI GOVERNI TUTTI D’ACCORDO PER REALIZZARE LA SECONDA ONDATA PIANIFICATA GIÀ DA APRILE.

    L’UNGHERIA NON SI PIEGA A QUESTA TRUFFA, VEDREMO COSA FARANNO AD ORBAN, LO AMMAZZERANNO?

    L’ITALIA HA GIÀ PROGRAMMATO LA PROROGA DELLO STATO DI EMERGENZA, STA SOLO ASPETTANDO LA SCUSA GIUSTA PER ATTUARLA.

    GONFIARE I NUMERI DEI CONTAGIATI CON TEST FASULLI È FACILE PERÒ SE MANCANO I MORTI LA STATISTICA DIVENTA CONTROPRODUCENTE PERCHÉ TANTI CONTAGI E POCHI MORTI = VIRUS DEBOLE E NON FA PAURA.

    QUESTA EQUAZIONE PREOCCUPA IL GOVERNO, COME FARANNO A TRUFFARE ED IMPAURIRE NUOVAMENTE??? MORTI DA VACCINO FATTI A MAGGIO-GIUGNO? TENIAMO SOTTO OSSERVAZIONE I VACCINATI DA MAGGIO

    BILL GATES HA NUOVI VIRUS PRONTI ALL’USO MA SOLO IN CASO DI FALLIMENTO PANDEMIA FAKE 2

    DEVONO ASSOLUTAMENTE BLOCCARE L’ECONOMIA PER ALMENO 4 MESI PER FAR SALTARE TUTTO ED IMPORRE UNA NUOVA MONETA MONDIALE, PREPARATEVI A MOSSE E FATTI SURREALI ENTRO SETTEMBRE.

    LE FORZE DELL’ORDINE SI STANNO ADDESTRANDO DA PIÙ DI UN MESE PER IRROMPERE NELLE CASE, AVRANNO POTERI SPECIALI SENZA NECESSITÀ DI MANDATO DEL GIUDICE, QUESTO È GRAVISSIMO. ESSI VENGONO STRAPAGATI, STRAPAGATI!

    SE RIUSCIRANNO AD IMPORRE NUOVO LOCKDOWN QUESTO SI PROTRARRÀ FINO A MAGGIO 2021

    Rispondi
  • 4 Luglio 2020 in 7:59
    Permalink

    Ma Trump arriverà in tempo per salvarci tutti in Usa stanno già facendo piazza pulita tempo al tempo arrivano anche in Italia….💪

    Rispondi
  • 4 Luglio 2020 in 12:54
    Permalink

    RIBELLIONE SOCIALE …CON EL ARMI …DEL DIRITTO.
    E SE CI TOLGONO IL DIRITTO… NON RIMANGONO CHE LE ARMI

    Rispondi
  • 4 Luglio 2020 in 14:56
    Permalink

    INVITO TUTTI NOI A FARE TUTTO IL POSSIBILE PER CONTRASTARE QUESTO CRIMINE ORRENDO CHE E’ SOLO AGLI INIZI. OGNUNO FACCIA LA SUA PARTE, DIGITARE NON BASTA. SIAMO SEMPRE DI PIU’, MOSTRIAMO LA NOSTRA PROTESTA VISIBILMENTE PER SVEGLIARE CHI NON HA CAPITO.

    Rispondi
    • 8 Luglio 2020 in 5:52
      Permalink

      Non si potrebbe almeno cercare di non metterci la mascherina?

      Rispondi
  • 5 Luglio 2020 in 0:50
    Permalink

    1) L’apocalisse di Giovanni è uno dei libri della Bibbia che contiene delle informazioni circa gli eventi che precederanno e saranno concomitanti alla seconda venuta del Signore Gesú Cristo . 2) Per intenderci chiamiamoli ultimi tempi . 3) A tal riguardo , l’apocalisse di Giovanni non è l’unico libro che contiene delle informazioni . 4) Sempre a tal riguardo , nel libro di Daniele sono contenute delle informazioni che ci permettono di iniziare a definire una mappa degli ultimi tempi . Fatto questo lavoro iniziale si può poi procedere ad arricchire la mappa con le altre informazioni contenute nella Bibbia . 5) Dal libro di Daniele possiamo apprendere che l’inizio esatto degli ultimi tempi sarà determinato da questo evento : ripristino dell’olocausto quotidiano nel santuario delle visioni di Daniele , ossia il terzo tempio degli ebrei a Gerusalemme , il quale sarà riedificato sull’attuale spianata delle moschee . 6) Il santuario delle visioni di Daniele non va confuso con il santuario delle visioni di Ezechiele . Il santuario delle visioni di Daniele verrà costruito , consacrato , profanato dall’anti Cristo e distrutto . Il santuario delle visioni di Ezechiele sarà edificato (o discenderà dal Cielo) con l’inizio del regno dei Cieli . 7) In termini pratici , l’ultima settimana delle settanta indicate nel libro di Daniele , ma anche gli eventi indicati nell’Apocalisse di Giovanni , inizieranno con l’evento indicato al punto 5 . Quindi , niente consacrazione del terzo tempio , niente apocalisse di Giovanni . 8) La venuta dell’anti Cristo sarà preceduta da inganni e opere varie da parte di satana . Leggere la 2° lettera ai Tessalonicesi . 9) L’anti Cristo sarà uno dei primi cinque imperatori romani . La bestia che salirà dall’abisso , per poi andare in perdizione . Leggere il capitolo 17 dell’Apocalisse di Giovanni . 10) Supponiamo di essere a ridosso dell’apparizione dell’anti Cristo . Quindi , supposto se . Ora , la Bibbia ci informa che in generale tutte le opere degli uomini giacciono sotto il potere del malvagio . C’è chi opera a favore e si aspetta la venuta del cristo gnostico , c’è chi opera a favore e si aspetta la venuta del messia ben Youssef , c’è chi opera a favore e si aspetta di vedere risorgere dalle sue ceneri il sacro romano impero , simboleggiato dall’aquila bicefala nera e coronata , e via dicendo … . La Bibbia invece ci informa che da questi inganni e opere portenti , di cui magari in buona fede sono vittima molte persone e , di cui tutti gli altri di riflesso ci vanno di mezzo , la vera operazione in corso ad opera di satana è quella di far riemergere dall’abisso uno dei primi cinque imperatori romani , una bestia . 11) Il passaggio al NWO dell’anti Cristo avverrà molto probabilmente attraverso il caos . Quanto caos ? A tal riguardo nella Bibbia non ci sono informazioni , ma non è da escludere una terza guerra mondiale .

    Rispondi
  • 5 Luglio 2020 in 4:33
    Permalink

    Avendo capito che razza di dementi sono, e avendo capito che vari degli attuali governi nel mondo sono infiltrati da loro, vediamo di diffondere il più possibile informazioni utili perché altri cittadini italiani e del mondo si rendano conto della situazione, chiedendo a loro volta di diffondere.

    Rispondi
  • 5 Luglio 2020 in 12:43
    Permalink

    Sono d’accordo con chi ha scritto che stanno cercando la scusa per prorogare lo stato di emergenza.

    Rispondi
  • 7 Luglio 2020 in 19:42
    Permalink

    Dipende molto dalla catastrofe.
    Come ho già scritto qui la prossima catastrofe vera sarà una glaciazione, che è già iniziata, nel senso che l’attività sismica sottomarina è aumentata del 700%, gli oceani hanno già visto un aumento di 2 gradi della temperatura e il mondo balla in senso sismico un po’ ovunque, dal Messico al Giappone. Che ci siano cambiamenti climatici in corso si sa da molto tempo, ma chiaramente non sono quelli descritti dai seguaci di Al Gore e Greta Thunberg, semmai il contrario, ci stiamo inesorabilmente avviando verso una glaciazione assai più potente di quella di 12mila anni fa, perché siamo nel bel mezzo di due processi glaciatori, uno grande ogni centomila anni e uno appunto ogni 11-12000 anni.

    Per cui no, non ci sarà alcun ordine mondiale al termine di essa. Se poche migliaia di persone sopravvivono, dipendentemente dalla latitudine in cui si trovano, ricominceranno dalle piroghe e dall’età del bronzo. La cosa più importante è che non si ricominci con le religioni, altrimenti meglio un’estinzione totale.

    Rispondi
  • 12 Luglio 2020 in 15:13
    Permalink

    Il Passato, il Presente ed il Futuro sono di Dio, Lui è la Storia, Lui è Immenso. Tutti loro per resistere e vivere devono indossare l’abito dell’Agnello, sensa uso del Bene, non potrebbero esistere e vivere. Sarebbero individuati ed aggrediti dagli esseri umani malvagi ma sempre a somiglianza di Dio. Ecco che all’Elite serve il Bene, serve la filantropia, ma il Maestro disse ai farisei di ogni ordine e grado, religiosi e non, andate via da me, operatori di illegalità. La sinfonia sta per iniziare, adesso una mossa all’Elite, subito dopo, un soffio da Dio, dopo altra mossa dall’Elite e subito ecco un altro soffio di Dio. Probabilmente saranno 21 le azioni di Dio contro la malvagità, oppure 7. Una cosa è certa, appena l’Anticristo inizierà a galoppare sul suo cavallo bianco, eccoci al 1° sigillo, ma al 5° l’Elite e tutti i malvagi inizieranno a vomitare anche le ossa, ed a seguire azione dell’Elite e reazione di Dio sino alla caduta del nuovo Impero Babilonese.. Ed se Dio vuole saremo spettatori dell’ultimo atto, e se moriremo con la fede, supereremo la seconda morte. L’Elite conosce Gesù Cristo, più di quanto lo conosciamo noi, è il loro avversario, ne sono consapevoli, certo conoscono che ci sarà la guerra tra angeli, capeggiati da Lucifero e Gesù. Ci sarà una guerra tra titani. Noi siamo proiezione di ciò che anche in cielo accade. Loro dalla parte dell’angelo Lucifero, noi dalla parte dell’Angelo Gesù.

    Rispondi
  • 20 Luglio 2020 in 7:35
    Permalink

    l’ anticristo sarà chiaramente olandese. Gli infidi Batavi regneranno per mille anni e rifonderanno un terzo impero all’ insegna della frugalità, degli zoccoli obbligatori e del formaggio ad ogni pasto

    Come previsto da Daniele, solo il Movimento Cinque Stelle saprà opporsi alle orde olandesi dell’ anticristo, vietando formaggi e zoccoli.

    Rispondi
    • 20 Luglio 2020 in 7:51
      Permalink

      Hai dimenticato di nuovo di prendere la pillola, a quanto vedo.

      Rispondi
  • 7 Settembre 2020 in 20:24
    Permalink

    Le élite, i poteri veri, chiamiamoli come vogliamo, ‘informano’ sempre i comuni mortali di quanto potrebbe succedere (e di solito succede), perché, anche se in modo distorto, obbediscono alla legge del libero arbitrio. La gente viene informata, dunque secondo loro, la gente sceglie…

    Rispondi

Rispondi a Fabio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *