Il piano post-Covid dei Rockefeller mira al controllo della popolazione mondiale

di Cesare Sacchetti

Quando i Rockefeller scrivono dei documenti ufficiali, occorre leggerli con estrema attenzione perchè questa famiglia suggerisce o descrive un determinato scenario, questo puntualmente si avvera.

E’ stato così per il loro documento intitolato “Scenari per il futuro della tecnologia e dello sviluppo internazionale” del quale si è parlato in un precedente contributo che annunciava una pandemia e prevedeva con 11 anni di anticipo in maniera incredibilmente accurata il totalitarismo globale che sta nascendo.

Probabilmente sarà così anche per un altro rapporto pubblicato nel mese di aprile dalla famiglia di magnati americani dal titolo piuttosto esplicativo “Piano di azione nazionale per i test sul Covid-19: passo pragmatici per riaprire i nostri luoghi di lavoro e le nostre comunità.”

Sostanzialmente è una sorta di piano di azione per la gestione della crisi post-Covid-19, quella che in Italia è praticamente nota con il nome di fase 2.

Mentre ufficialmente le linee guida di questo documento vengono raccomandate per gli Stati Uniti, è impossibile non notare che ciò che è stato scritto nel rapporto un mese fa è divenuta di fatta la via privilegiata scelta dagli esecutivi di mezzo mondo per gestire questa contingenza.

In altre parole, i governi di vari Paesi nel mondo non stanno facendo altro che seguire le raccomandazioni dei Rockefeller.



Nel preambolo iniziale firmato dall’attuale presidente della fondazione, Rajiv Shah, si legge chiaramente che l’obbiettivo finale della crisi da Covid non è nient’altro che il vaccino.

Tutto quanto scritto nel piano di azione è pensato dunque per arrivare alla immunizzazione di massa della popolazione americana e mondiale.

“Piuttosto che ondeggiare tra una insostenibile quarantena e un pericoloso e incerto ritorno alla normalità, gli Stati Uniti devono intraprendere una strategia sostenibile con test più efficaci e il tracciamento dei contatti, e restare su questa strada per tutto il tempo necessario per sviluppare un vaccino o una cura.”

Per arrivare a questo obbiettivo, il documento propone sostanzialmente un piano diviso in tre sezioni.

La prima riguarda i test e il tracciamento di massa.

La seconda prevede che si assoldi una vera e propria pattuglia di operatori sanitari dedicata a questo compito con la conseguente schedatura sanitaria dei cittadini americani.

La terza è la costituzione di un database digitale dal quale attingere in tempo reale per capire dove è necessario allocare maggiori risorse per effettuare i test sanitari.




 La prima fase: Il test e il tracciamento di massa

Il primo passo è quello di sottoporre la popolazione americana a dei test di massa. Il paper infatti indica chiaramente la via da seguire a questo proposito.

“Nelle prossime settimane, il Paese potrebbe plausibilmente arrivare al punto nel quale 3 milioni di persone, approssimativamente l’uno percento della popolazione, sono testate settimanalmente.  E’ un livello che, combinato con un vigoroso tracciamento dei contatti, consentirebbe a settori cruciali dell’economia di ripartire.”

La strada che indicano i Rockefeller per gli USA non è molto diversa da quella seguita dalla Cina e dalla Corea del Sud. La stessa strada che sembra aver intrapreso l’Italia dove la task-force del comitato tecnico-scientifico assembrata da Conte ha raccomandato di scaricarsi l’app Immuni per tracciare tutti i contatti di una persona positiva al Covid-19.

Lo stesso vale per la decisione scelta dal governo PD-M5S riguardo ai test sierologici che verranno effettuati su campioni della popolazione italiana.

A questo proposito, qualche osservatore ha fatto notare come il decreto che norma questi test violi la privacy dei cittadini prescelti per questo tipo di analisi.

Ma com’è chiaro dal piano della fondazione Rockefeller e da quanto fatto fino ad ora, il diritto alla riservatezza è destinato a tramontare sostituito dal controllo rigido delle autorità governative che violeranno costantemente i diritti dei cittadini.

Il rapporto infatti su questo punto è chiaro quando afferma che “alcune preoccupazioni per la privacy devono essere accantonate di fronte ad un agente infettivo e virulento come il Covid-19.”

La seconda fase: i tracciatori e la schedatura dei cittadini

La seconda fase prevede il reclutamento di 300mila persone che andranno a comporre il Covid Community Healthcare corps, un vero e proprio esercito di operatori sanitari che verrà sguinzagliato su tutto il territorio degli Stati Uniti per sottoporre ai test i cittadini e individuare tutti i positivi.

Una volta che questa milizia sanitaria avrà assolto questo compito, tutti quanti verranno registrati con un numero identificativo che verrà inserito in un apposito archivio digitale.

Questo archivio sostanzialmente sarà la base per decidere se consentire oppure no ad un cittadino di poter accedere ad un determinato luogo pubblico.

Questo è quanto si legge nel documento.

“Alle persone esaminate deve essere dato un numero unico identificativo che connetterebbe alle informazioni riguardo allo stato virale del paziente, ai suoi anticorpi ed eventualmente la sua condizione vaccinale in un sistema che andrebbe facilmente d’accordo con altri sistemi per accelerare il ritorno alle normali funzioni della società. Le scuole potrebbero collegare questo sistema al registro delle presenza, i larghi uffici lavorativi ai cartellini identificativi degli impiegati, e l’autorità dei trasporti alla lista dei passeggeri e gli impianti sportivi agli acquirenti di biglietti.”

In altre parole, man mano che tutti quanto verranno sottoposti ai test verranno inseriti in questo archivio.

Questo database serve poi come bacino per ogni luogo di aggregazione pubblica, dalla scuole al posto di lavoro e si potrà eventualmente negare l’accesso ad una persona perchè ad esempio non risulta sottoposta al vaccino.

Il sistema di cui parlano i Rockefeller è la base per controllare l’intera società ed avere il potere di escludere da questo nuovo totalitarismo digitale chi rifiuta il vaccino al Covid.

Questo sistema di controllo è estremamente simile ad un altro progetto finanziato incidentalmente proprio dalla famiglia americana e da Bill Gates, chiamato ID2020 del quale si era parlato già in diverse occasioni.

ID2020 prevede anche la possibilità di inserire un microchip sottocutaneo nelle persone e questo dispositivo in pratica darebbe la possibilità di registrare tutte le informazioni di un individuo e persino di sottoporlo ad una sorta di vaccinazione digitale.

In Italia, il microchip sembra essere ad un passo all’essere approvato dal ministero della Salute come si è già annunciato in precedenza.

Se tutto questo dovesse diventare realtà, i Rockefeller guadagnerebbero un enorme potere di controllo sulla popolazione mondiale, controllata attraverso impianti microchip senza i quali non sarà possibile praticamente fare le normali operazioni quotidiane, come comprare o vendere, oppure entrare in luoghi pubblici.

La terza fase: le app che registreranno le ricerche su Internet

La terza fase prevede un database integrato tra i vari stati americani al quale è possibile accedere in tempo reale per decidere dove è più necessario eseguire i test per il Covid-19.

Si tratta di un sistema apparentemente basato molto sull’uso dell’intelligenza artificiale che stabilirà automaticamente come allocare le diverse risorse sanitarie.

Ma l’aspetto più inquietante e distopico riguarda quello delle app alle quali stanno lavorando Google ed Apple per mandare allarmi in tempo reale sui telefoni delle persone entrate in contatto con i positivi, e persino in grado di controllare le ricerche fatte su Google dagli utenti.

Se si scrivono ad esempio sul motore di ricerca le parole “non posso sentire odori”, l’app accede alle ricerche fatte e localizza potenziali focolai di contagio.

Poco importa che qualcuno potrebbe aver fatto quella ricerca per altre ragioni, il sistema valuterebbe automaticamente quelle parole come scritte da qualcuno potenzialmente infetto.

Il sistema potrebbe mandare degli operatori sanitari per entrare in contatto con la persona che ha cercato quelle parole sul motore di ricerca ed eventualmente isolarlo e metterlo in quarantena.

E’ l’aspetto più pericoloso del nuovo totalitarismo sanitario che sta sorgendo. La presunzione di infezione decisa arbitrariamente da questa intelligence artificiale potrebbe divenire il pretesto per perseguire eventuali dissidenti e separarli dalle loro famiglie.

Il mondo post-Covid descritto dai Rockefeller è uno nel quale vige il governo assoluto di una élite sul resto della popolazione.

Sta emergendo chiaramente una verità, ovvero che la salute dei cittadini non ha nulla a che vedere in questa storia.

Questo totalitarismo sanitario vuole servirsi di questa cartina di tornasole per spogliare le persone di ogni loro diritto.

I Rockefeller hanno già deciso. Alla fine di questa crisi non ci saranno più liberi cittadini. Ci saranno schiavi dominati da un governo unico mondiale.

Questo blog si sostiene con le donazioni dei lettori. Se vuoi aiutare anche tu la libera informazione, clicca qui sotto.

https://www.paypal.me/CesareSacchetti

 

8 pensieri riguardo “Il piano post-Covid dei Rockefeller mira al controllo della popolazione mondiale

  • 22 Maggio 2020 in 21:59
    Permalink

    Gentilissimi, purtroppo potrebbe essere vero.. siamo governati dal NWO.. possiamo fare qualcosa per opporci a questo?
    avevo letto su questo dei Rockfeller, è terribile.. Grazie mile di quello che fate e scrivete appena posso Vi invio una donazione Sabrina-

    Rispondi
    • 23 Maggio 2020 in 7:24
      Permalink

      È difficile ammetterlo, ma se ci riusciranno sarà solo per colpa nostra che glielo abbiamo lasciato fare

      Rispondi
  • 22 Maggio 2020 in 22:15
    Permalink

    Ce sont de grands malades , les gens vont réagir !!! ON LAISSERA PAS FAIRE !!!!!

    Rispondi
  • 22 Maggio 2020 in 22:25
    Permalink

    Qui http://www.progettoalternativo.com/2016/02/lattacco-alla-famiglia-e-il-piu-infame.html alla fine dell’articolo è scritto «Saremo tutti meno difesi perché la logica di branco del potere (così come avviene in etologia) sceglie gli elementi isolati e quando tutti saremo isolati saremo tutti più deboli e preda (sessuale, lavorativa, merce di ricambio di organi, etc.) del branco satanista del Potere… che preleverà a seconda del suo gusto, appetito o di Manovratore del vapore che non vuole “rompicoglioni”».
    Il Coronavirus sta creando queste condizioni col “Ministero della Verità” (per i “rompicoglioni”)
    e il distanziamento umano (in più, per le prede, col “Ministero dell’Amore” oscuro e tenebroso).
    Se si legge il primo Capitolo de l’Istituto Tavistock di D. Estulin “La Controinsurrezione” si trova descritto fin dal 1945 quanto nel programma attuale dei Rockefeller. Alla fine della II guerra mondiale manovrato da Rockefeller fu concettualizzato di mantenere l’assetto economico risultante dalla guerra e «Molti non vedono le cose in questa maniera, compresi diversi operai, convinti che ogni metodo di selezione sia un meccanismo attraverso il quale il cattivo capitalismo cerca di rendere più redditizio il loro lavoro. A questo argomento è molto difficile replicare»… Essi distinsero il “nemico interno” (lo stesso popolo americano da cui cominciarono) e gli altri e cioè pure noi. Dall’omicidio Moro noi siamo diventati nemici interni dei governi e il Bisconte è l’ultimo e attuale proconsole di Rockefeller.
    Dal 1945 la dinamica non è cambiata di molto perché ci sono ancora molti che non la vedono nella loro maniera… e loro non potevano fare niente. Allo stesso tempo ce ne sono tanti che la vedono come loro (chi per convenienza= 1° 2°, 3° e 4° potere, sindacati, ordini professionali etc tutti cooptati da Rockefeller e Tavistock) chi, la grande massa popolare, per pura e semplice ignoranza. Io questo lo definisco un equilibrio precario in cui “loro” ora portano l’affondo per far pendere l’equilibrio verso la totale schiavitù dell’uomo.
    Il covid è quanto non potevano fare per i “rompicoglioni” (es. del parlamento Sara Cunial in Italia o sentite quanto è tosta questa parlamentare austriaca https://www.youtube.com/watch?v=xCE3HWBDRsg e quelli fuori, come potresti essere tu, Cesare, come ha dimostrato Dario Musso, e come tanti altri… che resistono…
    Valuta(te) che per quanto possano essere prevedibili, inculcati etc., Rockefeller (e figurarsi il proconsole Bisconte) non ha nessuna certezza scientifica che i comportamenti umani si svolgano come da previsione… possono essere pure imprevedibili…anche per turbativa dei “rompicoglioni”.
    Prendere atto di ciò che vuole il sistema (il tuo esempio: in una ricerca internet il sistema valuterebbe automaticamente quelle parole come scritte da qualcuno potenzialmente infetto…) dobbiamo poi imporre la nostra narrativa e liberare noi stessi dall’idea che il Coronavirus sia una Pandemia che infetta quando invece ad infettare è una Ideologia.
    Se si debella il concetto di pandemia rimane la nuda e cruda Ideologia che capirebbero tutti, anche i più sprovveduti nel significato di quelli “schiavi” della Propaganda di Regime.
    Non è facile ma è una delle pochissime possibilità. E quanto prima ci si attrezzi sarà tempo guadagnato.
    Scusate la lunghezza.

    Rispondi
  • 22 Maggio 2020 in 23:33
    Permalink

    Vi segnalo di approfondire le disposizioni contenute nel DL n. 34/2020 all’art. 11 in merito al Fascicolo Sanitario Elettronico, in particolare all’abrogazione del comma 3-bis del DL n. 179/2012 che prevedeva il consenso libero e informato dell’assistito per decidere se è quali dati relativi alla propria salute non devono essere inseriti nel fascicolo, e all’art. 13 che autorizza l’ISTAT a trattare dati personali, anche inerenti alle particolari categorie di dati e relativi a condanne penali e reati.

    Rispondi
  • 23 Maggio 2020 in 1:49
    Permalink

    A costo di esser presa di mira (anche se dell’argomento ne so poco o nulla…) suggerisco che bisogna trovare hacker bravi per trovare documenti incriminanti e per far affondare siti e società controllate da questa gente. Dato che la rivoluzione non si può farla per le strade e sarebbe controproducente oltretutto a questo stadio, bisogna farla da casa per chi la sa fare…. Anonymous VERI dove siete??????

    Rispondi
  • 23 Maggio 2020 in 16:24
    Permalink

    Premesso che vedo molto vicino questo futuro “orwelliano”, porgo a tutti una domanda: per arrivare a tutto questo è necessario che tutti i paesi siano d’accordo. Quindi: Presidenti, Ministri, Politici, Sanitari, Forze dell’ordine… tutti assolutamente d’accordo! Han fatto tutti un voto masochistico? Godono tutti nel vedere l’annientamento dell’uomo? Tutti che prendono ordini senza batter ciglio? Tutti corrotti? Mi piacerebbe conoscere il vostro parere.

    Rispondi
    • 23 Maggio 2020 in 19:26
      Permalink

      I semi di questi inganni sono piantati nel terreno fertile delle menti di coloro che appartengono alla gioventù e all’inizio della loro vite. Il divario psicologico, che esiste tra il proletariato e la classe dominante, è sia istituito che rafforzato dal sistema scolastico pubblico. Sin dalla tenera età, il proletariato viene addestrato, attraverso un rigido condizionamento psicologico, a essere contribuenti e lavoratori obbedienti, e a rispettare e seguire indiscutibilmente i dettami di coloro che sono percepiti in posizioni di autorità. Essendogli stato insegnato ad apprendere mediante memorizzazione piuttosto che formulare analisi critiche, quando il proletariato diventa maggiorenne, qualsiasi capacità che avesse il potenziale per sfidare criticamente o efficacemente coloro che ricoprono posizioni di “autorità” è stato significativamente se non completamente distrutto. Menti acritiche come automi. E se ci guardiamo intorno è esattamente così. In effetti i loro comportamenti e processi di pensiero sono stati programmati e irreggimentati e in modi che sono molto vantaggiosi per l’economia globale del sistema delle élite al potere. Per tutto il resto della loro vita, il rigido condizionamento psicologico a cui è stato sottoposto il proletariato, viene ulteriormente rafforzato da genitori, dirigenti della chiesa, datori di lavoro, nonché da amici e familiari. Naturalmente, questa psicologia servile è rafforzata, in misura ancora maggiore, attraverso i ripetuti bombardamenti di varie forme di propaganda politica e sociale che vengono trasmessi attraverso il mezzo televisivo e attraverso intrattenimenti popolari, come musica, film, cultura popolare e naturalmente i media mainstream. In sostanza, intere generazioni del proletariato sono state addestrate per avere una mentalità da “schiavi”, a differenza di quelle della classe dominante, che fin dall’adolescenza sono state addestrate per essere leader, proprietari e decisori esecutivi. Questo stato prevalente di affari sproporzionati facilita gli effetti onnicomprensivi della guerra psicologica o potemmo dire della simulazione di realtà. Fondamentalmente, questo stato di cose esistente rende facile, per quelli presentati al grande pubblico come “esperti”, convincere intere popolazioni della pericolosa esistenza di una “pandemia” o della minaccia dei “terroristi”. Anche se la mia risposta non è assolutamente esaustiva, spero che per ora sia sufficiente.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *