Le autopsie dei medici tedeschi:”erano tutti gravemente malati, nessuno è morto per il Covid”

di Cesare Sacchetti

Dopo lo studio scientifico del dottor Pasquale Bacco che ha evidenziato come le persone morte con Covid-19 in Italia non siano morte in seguito all’infezione da questo agente virale, arriva un’altra importantissima conferma dall’estero.

Il professor Klaus Püschel dell’istituto di medicina forense dell’università di Amburgo ha riportato le conclusioni delle autopsie svolte da lui e dal suo gruppo di ricercatori medici.

I risultati sono sorprendenti e confermano che tutte le persone esaminate dai medici tedeschi avevano già altre gravi patologie e non sarebbero morte in seguito all’infezione da Covid-19.

In altre parole, il quadro clinico dei morti con Covid era già largamente compromesso e queste persone sarebbero morte comunque per il loro stato di salute già gravemente debilitato.

Questa ricerca è stata completamente ignorata dai media italiani e internazionali impegnati ancora a tempo pieno a descrivere la presunta letalità del coronavirus.

Ma i medici che hanno condotto esami autoptici sulle persone considerate morte per il Covid, stanno dicendo che in realtà il virus non avrebbe avuto un ruolo preponderante nelle cause dei loro decessi.



Al contrario, avrebbe una mortalità bassissima.

L’indagine anatomopatologica in questo senso è certamente la via maestra per capire cosa è accaduto ai pazienti che hanno contratto il coronavirus.

Una procedura che invece di essere raccomandata dal Ministero della Salute italiano è stata sconsigliata in una circolare ufficiale.

Ma senza le autopsie è praticamente impossibile comprendere cosa è accaduto alle persone decedute, e questo getta pesanti ombre sul comportamento del governo Conte.

E’ lo stesso professore di Amburgo a spiegare l’importanza di questi esami.

“Vogliamo apprendere dai morti per aiutare i vivi. Proviamo a capire di che cosa sono morte le persone con il corona  per poter tirare delle conclusioni per i trattamenti clinici per coloro che ancora stanno soffrendo a causa di questo. Diamo uno sguardo più vicino: come il virus ha attaccato il cuore, i polmoni e gli altri organi interni?”

E i risultati di questi esami sono chiari. In Germania, i pazienti che sono morti con il coronavirus non sono deceduti per questa infezione.




Erano tutte persone già gravemente malate.

“Tutti quelli che abbiamo esaminato fino ad ora avevano avuto il cancro, malattie croniche polmonari, erano fumatori pesanti o gravemente obese, soffrivano di diabete oppure avevano una malattia cardiovascolare.”

Una delle obiezioni più frequenti di fronte a questa evidenza è che se questi pazienti non avessero preso il Covid, sarebbero vissute a lungo senza problemi.

Non è così, e non è una sensazione personale a confermarlo ma i risultati degli esami scientifici condotti sui deceduti con il Covid-19.

La propaganda mediatica è stata così martellante e terroristica da suscitare in larga parte della popolazione la convinzione che probabilmente prima del Covid praticamente fosse impossibile morire.

Recentemente il dottor Bonsignore, presidente dell’ordine dei medici della Liguria, ha rilevato come il conteggio dei morti che viene divulgato quotidianamente dalla task-force governativa abbia praticamente fatto sparire le persone decedute per altre cause.

“Stiamo azzerando quella che è la mortalità per qualsiasi patologia naturale, che sarebbe occorsa anche in assenza di virus.”

Si è praticamente instillata nelle menti delle masse la convinzione che ora si muoia solamente di coronavirus che avrebbe quindi avuto il potere magico di far sparire tutte le altre patologie.

Il professor Püschel in base all’evidenza delle sue ricerche ha parlato di un meccanismo che mira ad alimentare “paure estremamente pesanti” tra la popolazione.

Ma il Covid non è in grado di uccidere. Il professore tedesco, dopo gli esami autoptici, ha raggiunto praticamente la stessa conclusione del suo collega italiano, il dottor Bacco.

“Il Covid-19 è una malattia mortale solo in casi eccezionali, ma nella stragrande maggioranza dei casi è un’infezione innocua.”

La pandemia porterà al governo unico mondiale

L’intera vita della popolazione italiana, europea e mondiale è stata stravolta per un agente virale quindi che in base a queste evidenze scientifiche non è assolutamente mortale.

Il terrorismo psicologico al quale sono state sottoposte milioni di persone si è rivelato il mezzo per comprimere i diritti costituzionali e provocare una recessione globale senza precedenti.

Gli interessi intorno alla pandemia sono enormi. La pandemia di fatto è il mezzo attraverso il quale ridisegnare l’ordine mondiale per adattarlo ai disegni delle élite internazionali.

Jacques Attali, banchiere e membro del gruppo globalista Bilderberg, e soprattutto uno degli uomini più influenti nella vita politica francese per il suo ruolo di consigliere particolare di tutti i presidenti francesi degli ultimi 35 anni, lo disse chiaramente in riferimento alla precedente pandemia del 2009, la cosiddetta suina.

“E anche se, come è giusto sperare, questa crisi non sarà così grave, sarà comunque il caso, come avviene dopo una crisi economica, che se ne comprenda la lezione. In questo modo saremo pronti per la prossima, inevitabile pandemia, avremo meccanismi di previsione e di controllo, avremo processi di distribuzione affidabili per i farmaci ed i vaccini.”

Attali parlava già 11 anni fa di una “prossima ed inevitabile pandemia” come se già fosse mateticamente certo di cosa sarebbe accaduto nell’immediato futuro.

Evidentemente quando si appartiene alle alte sfere si conosce già il futuro probabilmente perchè si ha un ruolo di primo piano nella sua preparazione.

Ma qual è dunque la “soluzione”, lo sbocco di questa crisi sanitaria?

E’ lo stesso Attali a dirlo.

Proprio per questo si dovrà costruire una polizia mondiale, una struttura di magazzini mondiale, una fiscalità mondiale. Si comprenderà così, molto più in fretta di quanto avrebbe permesso la sola ragione economica, che è necessario costruire un vero Governo Mondiale.”

Il governo unico mondiale è quanto dovrà emergere dalla fine della pandemia. La sanità e la tutela della vita delle persone non c’entrano nulla in questa storia.

Studi scientifici hanno dimostrato la scarsissima letalità del coronavirus. Ma alle élite serve mantenere in vita la pandemia. La pandemia alimenta la paura e dalla paura sgorga il controllo totale delle masse.

Per poter arrivare alla nascita del nuovo ordine mondiale, occorre prima demolire il vecchio. A questo serve la recessione globale. A gettare le nazioni in uno stato di caos, povertà e disordine senza precedenti.

Dalle macerie degli Stati nazionali, sorgerà il governo mondiale di cui parlava Attali.

Il virus che minaccia la libertà e la prosperità dei popoli della Terra non è il Covid. Il vero virus è questo piano diabolico che vuole schiavizzare i popoli e distruggere le nazioni.

Il vero virus è il governo unico mondiale che sembra ad un passo dalla sua definitiva realizzazione.

Questo blog si sostiene con le donazioni dei lettori. Se vuoi aiutare anche tu la libera informazione, clicca qui sotto.

https://www.paypal.me/CesareSacchetti

29 pensieri riguardo “Le autopsie dei medici tedeschi:”erano tutti gravemente malati, nessuno è morto per il Covid”

  • 13 Maggio 2020 in 13:38
    Permalink

    Allora le centinaia di morti di medici e le migliaia di anziani nelle rsa sono certamente dovute a riti voodo/jettatori per i quali occorrerà fare dovuti scongiuri visto che il virus non è’ causa / suggerisco una indagine epidemiologica sulle interferenze celesti o qualche rito propiziatorio nella stessa Università

    Rispondi
    • 13 Maggio 2020 in 14:13
      Permalink

      Suggerisco invece nel suo caso di guardare di meno Barbara D’Urso e informarsi meglio.

      Rispondi
      • 13 Maggio 2020 in 16:47
        Permalink

        E quella e una risposta mi da tanto da pensare lei scusi

        Rispondi
      • 13 Maggio 2020 in 18:05
        Permalink

        Concordo con l’articolo. E in Germania da quanto si è capito quasi nessuno cammina per strada con la mascherina. Perché, come hanno spiegato anche i medici citati nell’articolo, essa, per trattenere un virus, dovrebbe avere dei fori 20 volte più piccoli il che provocherebbe il soffocamento per l’utente. In Italia, invece, gli utili idioti, che sono la stragrande maggioranza, chiedono: vogliamo più mascherine! Quelle mascherine fatte in Cina e in Bangladesh in assenza di requisiti minimi dal punto di vista igienico e della sicurezza, che i soliti noti comprano per pochi spiccioli e rivendono a 10 volte tanto il prezzo di costo ai nostri idioti. Forse finiremo tutti diluiti nel NWO, ma c’è modo e modo di finirci. Italiani, accendete il cervello e guardate meno Tv.

        Rispondi
        • 19 Maggio 2020 in 13:43
          Permalink

          Io sostengo la tesi della cruna dell’ago gin dall’inizio di questa pandemia.
          È in atto una guerra senza armi che ha talmente impaurito la gente da portarla alla fobia. Diventeremo poveri e telecomandati.

          Rispondi
          • 20 Maggio 2020 in 0:08
            Permalink

            Stanno arrivando ondate di arrabbiati perchè i propri cari, hanno il timbro Covid, ma erano morti d’altro.
            Questo è REATO
            Molti i medici che si stanno rivoltando alla Pandemia di deficienza collettiva sul Coglionavirus, e scrivono pubblicamente le % dello ZEROVIRGOLA

    • 13 Maggio 2020 in 15:59
      Permalink

      Oltre alle centinaia di medici morti mi piacerebbe sapere anche quanti sono stati i morti tra i commercianti, gli artigiani, gli avvocati, gli ingegneri, i negozianti, i piloti d’aereo, i giornalisti, i muratori, i carpentieri, gli idraulici e tutti gli altri. Poi se ne potrà discutere. Non capisco il motivo per cui si debbano dividere le vittime in base alla professione. Non sta scritto da nessuna parte che i medici morti stavano lavorando nei reparti Covid19.

      Rispondi
    • 13 Maggio 2020 in 16:46
      Permalink

      Medici italiani morti ufficialmente per Covid19 in totale 67, infermieri 35… nemmeno un centinaio quindi. Prima di dire idiozie bisognerebbe comparare questo dato con il tasso di mortalità nazionale nelle due categorie in esame negli anni scorsi. Idem nelle RSA, spesso veri e propri lager dove gli anziani vengono scaricati e dove le misure igienico-sanitarie risultano pessime in qualunque circostanza. Facile ora dare tutta la colpa al virus, del resto è quello che tv e giornali perseguono da mesi e che i creduloni acritici si bevono senza pensare

      Rispondi
      • 17 Maggio 2020 in 20:51
        Permalink

        Ma perché scrivete delle stupidaggini del genere e le pubblicate pure? Io sto in Lombardia, ho perso 3 persone care per Covid 19, tutte sane e senza patologie e ho un parente medico e una parente infermiera in ospedale a Milano che ne avrebbero da raccontare. Sicuramente chi è malato ha meno probabilità di resistere al virus, ma questo non vuole dire che non è il virus che uccide. Se uno ha un tumore con il quale avrebbe convissuto ancora per anni e il virus se lo porta via in 4 giorni, chi l’ha ucciso, il virus o il tumore? Smettiamola di dire cavolate. In Germania nascondono i numeri e lo sappiamo benissimo. Rispetto per i morti.

        Rispondi
        • 17 Maggio 2020 in 21:54
          Permalink

          HANNO AMMAZZATO il VIRUS
          CHI è STATO ?
          insieme al virus, hanno ammazzato anche i pazienti
          https://m.youtube.com/watch?v=SwIRWfq_K2U#menu

          Se 1 ha 3 malattie + altre di conseguenza, cioè ha 1 piede nella fossa, virgola 5, è NATURALE MORIRE. Si chiama ” Sorella morte corporale ” 1200 circa, S.Francesco.
          Prima o dopo si muore, e meglio prima, in questo mondo dove fanno passare x Covid anche quelli morti x mal di denti o per brufoli….. Sveglia dormiglioni, altrimenti dopo la depressione economica del 20 % quest’anno e almeno un altro 5 % il prossimo, Vi arriverà il : Suppostone Gigante con la SuperValsellina !!
          Perchè gli altri stati (quelli normali) che NON hanno chiuso, ci fanno/swtanno facendo, una concorrenza, peggio dei cinesi

          Rispondi
        • 18 Maggio 2020 in 18:40
          Permalink

          Il Covid19 non “porta via” nessuno in quattro giorni. Col tempo, gradualmente, tutti capiranno questo fatto (naturalmente tutti quelli che vogliono informarsi sul serio).
          Piuttosto esprimo un sospetto.
          Nei primi tempi del contagio la terapia consisteva praticamente soltanto nella “ventilazione forzata” con l’idea che si avesse a che fare con polmoniti interstiziali (le polmoniti “normali”), solo dopo un bel po’ si è cominciato a capire che in realtà si avevano di fronte casi di CID (Coagulazione intravascolare disseminata) per cui la terapia tradizionale non solo è inutile ma addirittura dannosa.
          Insomma, potrebbe essere che la mortalità da Covid-19 sia stata molto amplificata da approcci terapici sbagliati, dovuti non a dolo ma a mancata conoscenza del virus.

          Rispondi
          • 18 Maggio 2020 in 21:35
            Permalink

            Potrebbe ?
            Ormai è accertato che metà li hanno “fatti fuori” !!
            Lo stanno ormai dicendo anche i medici e infermieri.. avevano direttive specifiche !!
            Daltronde non è che ci voleva molto a capirlo, bastava fare solo 5 autopsie…
            ma dovevano seppellirli subito… così le prove sparivano !!
            O No ?

          • 19 Maggio 2020 in 14:27
            Permalink

            E poi parliamo delle RSA?
            Nelle RSA sono ospitate persone anziane molte delle quali con molteplici problematiche.
            Poi è bastato creare il panico tra medici, infermieri e OS per ridurre drasticamente il presidio e limitare fortemente tempestività e efficacia delle eventuali terapie collegate alle altre problematiche.
            Immaginate un vecchio in una RSA che accusa problemi respiratori (non dovuti al COVID) nel bel mezzo del panico generale, pensate che il personale si sarebbe accanito per salvarlo con il rischio di rimanere contagiati di una malattia che all’epoca sembrava essere l’ebola (magari incoraggiati anche dalla direzione che per evitare mancanza di personale o possibili cause)?

            Questo è quanto è successo
            – si informa della pandemia in ritardo (primo caso ufficiale a novembre 2019 in Cina)
            – non vengono implementate in Italia misure preventive e di quarantena per le persone provenienti da paesi infetti
            – non vengono coordinate a livello europeo misure di controllo o quarantena
            – non ci si prepara con i presidi necessari per tutelare il sistema sanitario
            – alcuni personaggi di spicco invitano a sottovalutare il problema
            – nel frattempo il virus entra e si diffonde senza creare danni (è nella fase iniziale nella curva SIR).
            – come per ogni virus parainfluenzale raggiunge il picco a febbraio (periodo in cui, storicamente ci si lamenta sempre della mancanza di posti letti) e in modo rapido (come previsto dal modello SIR). Raggiungendo il picco colpisce molti che hanno problemi pregressi (noti o ignoti) che peggiorano
            – nel frattempo vengono diramati protocolli fallimentari
            – nel frattempo i media fomentano il panico
            – qualcuno viene mandato nelle RSA e si diffonde la malattia in una popolazione a rischio (per qualsiasi influenza)
            – quindi il sistema sanitario, impreparato, indifeso, non sa come intervenire e interviene male, la mortalità aumenta e genera ulteriore panico, persone con patologie curabili, per paura di contagiarsi, non si fanno curare e muoino
            – i pochi medici anticonformisti vengono derisi pubblicamente e additati come ciarlatani
            – viene diramato il ‘consiglio’ di non fare le autopsie ritardando il momento della comprensione (cosa diavolo sono venuti a fare i cinesi?)
            – si ritarda il lockdown
            – i tamponi, di dubbia efficacia, vengono fatti solo ai morimondi e si riducono i soggetti da cui prelevare il plasma iperimmune (e in ogni caso se ne denigrano i risultati)
            – per aumentare il panico si considerano morti per COVID, chiunque risulti positivo al tampone anche se era in coma o se terminale di cancro
            – il lockdown viene inasprito senza ragione medica peggiorando la capacità di risposta del sistema immunitario
            – poi la curva comincia a scendere in modo fisiologico, si scoprono le cuse di morte, le terapie ‘alternative’ funzionano, il clima migliora la situazione sanitaria
            – gli aiuti economici non arrivano, il malcontento dilaga e per sedarlo si procastina lo stato di emergenza

    • 13 Maggio 2020 in 16:46
      Permalink

      Il virus che minaccia la libertà e la prosperità dei popolo della terra non è il Covid. Il vero virus è questo piano diabolico che vuole schiavizzare i popoli e distruggere le nazioni.

      Rispondi
    • 13 Maggio 2020 in 22:56
      Permalink

      I medici non sono morti a CENTINAIA, cmq sono morti xche non si è saputo come curarli, in quanto vietate le autopsie. Aggiungi i mega tagli alla sanità degli ultimi due decenni e magari uno sguardo alle statistiche dell ISS e un quadro generale riusciamo ad averlo

      Rispondi
    • 19 Maggio 2020 in 13:42
      Permalink

      Io sostengo la tesi della cruna dell’ago gin dall’inizio di questa pandemia.
      È in atto una guerra senza armi che ha talmente impaurito la gente da portarla alla fobia. Diventeremo poveri e telecomandati.

      Rispondi
    • 30 Maggio 2020 in 3:20
      Permalink

      Dovresti chiederti perché non muoiono più i medici?
      Non sarà perché i dottori morti , presa l’influenza, terrorizzati anche loro, si sono curati come hanno erroneamente curato i loro pazienti? E’ ormai risaputo che nei primi mesi la diagnosi e quindi anche la terapia era sbagliatissima. Una cura che portava a morire anziché guarire.

      Rispondi
      • 30 Maggio 2020 in 8:39
        Permalink

        NO, prima la maggior parte erano già vecchi e ammalati che almeno 1/3 non esercitavano più da anni se non decenni, come 1 che aveva 104 anni.
        Poi alcuni, essendo dei super infettati, l’eccesso di carica virale, il sistema immunitario va in tilt.
        Il principale fattore di viremia conclamata è la Quantità di infettazione, dovuta a :
        1) Mancanza di mascherine antivirali
        2) Quantità di Vicinanza con ammalati gravi, dovuta a :
        a) operatori/ammalati
        b) Tempo di vicinanza.
        Per capire :
        Se 1 persona si prende da 1 a 10 virus = Ottimo, Asintomatico non infettivo immunizzato
        Se 1 persona si prende da 100 a 1.000 = Ottimo, sintomatico, infettivo, immunizzato
        Se 1 persona si prende da 10.000 a 100.000 virus = Non buono, infettivo grave, con problemi respiratori e se non curato bene, porta a lesioni ed eventualmente morte.
        Se intubato e curato secondo le direttive governative = Morte sicura = Incenerito x non far autopsie che ne rivelino l’Omicidio, con Timbro Falso : Morto x Covid = Reato ulteriore di Cambio di Causa di morte

        Rispondi
    • 8 Giugno 2020 in 9:19
      Permalink

      Ma Quanto Grano Salis hai in quella Testa?
      Prova a indovonare perché la età media dei decessi è di 80 anni???
      Secondo tè quando si Muore di Vecchiaia?
      Usalo sto cervello vorrai mica donarlo Seminuovo in caso di prematuro trapasso???
      Ovviamente che non auguro.

      Rispondi
      • 8 Giugno 2020 in 21:18
        Permalink

        Di Grano Salis in giro in effetti ce ne è SEMPRE MENO
        Se i morti x oltre l’80 % dei casi è oltre i 75 anni,
        per il Carletti è ininflente, perchè devono lasciare questo mondo SANI e Belli a 130 anni, solo ” Quando lo dico io ” !!!
        Per lui le Regole della Natura sono fuffaggine, lui è Megaloman, figlio di Goldrake e Gig Robò, gli immortali.
        Deve però spiegare come mai ci sono meno morti degli ultimi 2 anni ?

        Rispondi
  • 13 Maggio 2020 in 18:58
    Permalink

    Le università, così come certi cattedrattici di partito, più che un rito propiziatorio hanno bisogno di pulizia dal marciume politico.

    Rispondi
  • 13 Maggio 2020 in 21:04
    Permalink

    il povero Carlo Carletti non guarda solo Barbarella d’Ursa, ma tanti Tiggì x il popolame. Lui appartiene al girone dei..Orwell 1984 o i personaggetti del cartone animato Wolly, o come i topi attirati dai tanti Pifferai Magici, che vanno nel fosso ad annegarsi a comando.
    Mi sono riletto i libri che avevo letto 30 anni fa, editi nel 1976 Microbiologia e del 1981 x Immunologia… TUTTO è Già SCRITTO
    NESSUN virus ha MAI UCCISO NESSUNO
    nell’ultimo miliardo di anni, ne alga microscopica o sequoia, ne topolino o homus stupidus, amenochè non sia già con 1,5 piede nella fossa o sia un immunorepresso o geneticamente predisposto. Ma anche queste 2 categorie % dello ZeroVirgola potevano essere salvati, con opportuna terapia… ma li hanno quasi ammazzati senza farmaci, su “ordine” o con ospedali distrutti dai politicanti che Carletto ha votato + volte !! Ma lui e tutti quelli come lui, mentre gli tagliavano la sanità sotto i piedi, lui dormiva e beveva il Prosekko col Glifosate di ZaiaGalan, che gli brucia i neuroni !!!

    Rispondi
    • 14 Maggio 2020 in 9:12
      Permalink

      Io, vorrei aggiungere anche che, stranamente, nei Luoghi, dove il COVID 19,ha colpito, piu’ duramente (BERGAMO e BRESCIA) … Siano anche quelli, dove s’e’ registrata, la maggior incidenza, del Vaccino Antiinfluenzale !!! … E, se esistesse, una Correlazione ???

      Rispondi
  • 13 Maggio 2020 in 21:17
    Permalink

    Metà dei medici morti erano molto anziani e mi pare una quindicina non esercitavano più la professione medica da anni se non decenni.
    DISINFORMAZIONE TOTALE
    Perfino i funebri, dopo che nella prima settimana avevano cominciato ad arrabbiarsi x il Reato di Cambio della Causa di Morte in Covid, mentre erano morti di qualsiasi altra cosa, escluso il Covid, poi sono stati zittiti dalla maggiorazione € x il trasporto dell’appestato….sempre soldi nostri !! Come i 48 milioni della Lega, spariti o del Celeste Forminchioni mafiopiduista condannato, che con Maroni e Bossi & C hanno depredato la Lumbardia. Regione che ha avuto 100 volte i morti degli ospedali di Katmandù…….

    Rispondi
  • 13 Maggio 2020 in 22:20
    Permalink

    E’ che hanno creato una mitologia molto sapiente intorno a questo progetto di unificazione dei governi del mondo. Un progetto folle, di cui solo i folli parlano. Questo non sarebbe un problema, se stessimo giocando con la mitologia. Il problema e’ che invece che siamo a un crocevia storico, senza neanche rendercene conto. Un momento cruciale per la storia della nostra specie.
    Voi come la vedete una centralizzazione totale del potere politico?
    Del resto, la formalizzazione politica non sarebbe che la validazione di una centralizzazione di potere gia’ stabilita di fatto. Un potere finanziario. Un potere economico-finziario.
    Nei fatti, 188 dei 208 governi che esistono nel mondo, hanno dimostrato di poter rispondere, a livello sanitario, economico, logistico e militare, velocemente e in modo congiunto, alle direttive di un ristretto numero di persone, non elette e senza nessuna responsabilita’ nei nostri confronti.
    A voi sta bene? Dite che da quando si sono iniziati a coordinare in questo esercizio pandemico globale, la nostra vita e’ migliorata?
    Gia’ non riusciamo a gestire i governi locali, nazionali e unionisti, che abbiamo eletto e che hanno effettivamente il dovere di rispondere ai nostri bisogni. Lo stanno facendo? Vi sentite rappresentati, valorizzati e supportati in questo momento? Eppure non riusciamo neanche a capire come poter rivendicare i nostri legittimi diritti. Mi domando che tipo d’influenza potremo mai sperare di esercitare su un governo mondiale. Non e’ neanche per l’idea di un’unificazione mondiale in se’. E’ la consapevolezza del tipo di classe politica a cui abbiamo dato fiducia e che abbiamo appoggiato fino ad ora. Sarebbe questo genere di persone che governera’ il mondo?

    Rispondi
  • 17 Maggio 2020 in 20:49
    Permalink

    Ma perché scrivete delle stupidaggini del genere e le pubblicate pure? Io sto in Lombardia, ho perso 3 persone care per Covid 19, tutte sane e senza patologie e ho un parente medico e una parente infermiera in ospedale a Milano che ne avrebbero da raccontare. Sicuramente chi è malato ha meno probabilità di resistere al virus, ma questo non vuole dire che non è il virus che uccide. Se uno ha un tumore con il quale avrebbe convissuto ancora per anni e il virus se lo porta via in 4 giorni, chi l’ha ucciso, il virus o il tumore? Smettiamola di dire cavolate. In Germania nascondono i numeri e lo sappiamo benissimo. Rispetto per i morti.

    Rispondi
    • 17 Maggio 2020 in 21:20
      Permalink

      Scusa ma che ne sai che erano tutte sane e senza patologie? Sono state fatte le autopsie? Le autopsie stanno dicendo che il virus non è pericoloso e che ha una mortalità ridicola. Non è perché una amica infermiera all’ospedale ti ha detto il contrario, cambia qualcosa. Uno con il tumore muore per il tumore non per un virus influenzale.

      Rispondi
  • 17 Maggio 2020 in 21:25
    Permalink

    Trovo davvero inquietante come paesi dove ufficialmente Non ci sono dati ufficialmente allarmanti in termini di morti e contagi (per esempio Argentina Serbia Moldavia e tantissimi altri) abbiano attuato lockdown, quarantene e blocchi aerei.
    La quasi totalità della popolazione di tutto il mondo senza rivolte, senza governi di opposizione reali, senza porsi domande ma dando per scontato quello che raccontano i media ha accettato di rinunciare all’unica cosa che ci rende esseri umani e non Bestie o schiavi, la libertà…. in nome di che cosa?

    Rispondi
  • 18 Maggio 2020 in 11:34
    Permalink

    Se vieti di fare le autopsie e bruci in fretta e furia i cadaveri vuol dire che hai qualcosa da nascondere, non è difficile da capire. Spero solo che un giorno i responsabili possano essere giudicati per ciò che hanno fatto.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *