Il dr. Plotkin: il medico che ha usato feti di bimbi morti per i vaccini sta lavorando ad un vaccino anti-Covid

di Cesare Sacchetti

Se qualcuno leggesse la testimonianza sotto giuramento del dottor Plotkin, probabilmente avrebbe l’impressione di leggere un racconto che proviene dagli orrori della Germania nazista e dagli orribili esperimenti sugli esseri umani che venivano praticati allora.

Stanley Plotkin è un’autorità internazionale riconosciuta nel campo dei vaccini. Ha lavorato per tutte le più importanti case farmaceutiche, come Pfizer, GlaxoSmithKline, Merck e Pfizer, e ha contribuito allo sviluppo di molti vaccini, tra i quali quello contro la rosolia, la varicella, l’antrace e il citomegalovirus.

Per questo si è guadagnato il soprannome, non proprio lusinghiero, di “padrino dei vaccini”, per la sua intensa attività in questo settore.

E’ quindi semplicemente fondamentale parlare di ciò che ha detto pubblicamente il dottor Plotkin due anni fa sui metodi di sviluppo dei vaccini, soprattutto di questi tempi nei quali l’intero apparato globalista propone come unica soluzione alla crisi da coronavirus proprio il vaccino.

E’ importante parlarne soprattutto perchè Plotkin, come si vedrà più avanti, non è affatto uscito di scena ma ha ancora un ruolo di primo piano, soprattutto nella ricerca immunologica anti-Covid.

La testimonianza di Plotkin



Il caso in questione risale al 11 gennaio 2018. In un’aula di tribunale dello Stato del Michigan c’è un contenzioso giuridico tra una coppia di genitori separati, Lori Ann Schmitt e Michael Schmitt, riguardo alla prescrizione vaccinale sul loro bambino.

La madre, la signora Schmitt, ha espresso il suo disaccordo all’utilizzo dell’immunizzazione su suo figlio e il caso è finito davanti ad un’aula di tribunale.

La donna, assistita dall’avvocato Aaron Siri, convoca quindi la massima autorità nel campo, il dottor Stanley Plotkin, per capire meglio quali siano le procedure utilizzate in questo campo.

L’avvocato Siri interroga Plotkin per ore e vengono alla luce delle verità semplicemente inquietanti, probabilmente ignorate dal grande pubblico.

Il video della testimonianza del dottor Plotkin

Nei vaccini sviluppati dallo scienziato americano, sono stati inseriti feti umani abortiti superiori ai 3 mesi.

E non si è trattato di un caso isolato, dal momento che solamente per lo sviluppo di un vaccino il medico americano ha utilizzato 76 feti abortiti di questo tipo.




Il legale chiede conto al dottore sull’origine di questi feti e questo è la risposta.

Siri:”e questi feti erano tutti di tre mesi o più vecchi quando sono stati abortiti, giusto?

Plotkin:”sì”

Siri:”ed erano tutti sviluppati normalmente?”

Plotkin:”sì.”

Siri:”erano inclusi feti che sono stati abortiti per ragioni sociali e psichiatriche, giusto?”

Plotkin:”esatto.”

Le grandi case farmaceutiche per le quali ha lavorato il padrino dei vaccini si sono servite di fatto di feti abortiti da soggetti socialmente deboli o ancora peggio da donne che soffrivano di disturbi psichiatrici.

In Italia, probabilmente queste pratiche sarebbero in aperta violazione della legge sull’aborto che consente di superare il termine di 90 giorni solamente in casi eccezionali.

Subito dopo, il medico è costretto ad ammettere qualcosa di ancora più orribile, ovvero che nei vaccini sono stati messi organi di bambini morti.

Siri:”e i pezzi degli organi sono stati tagliati in pezzi piccoli, giusto?”

Plotkin:”si.”

Siri:”e sono stati coltivati?”

Plotkin:”sì.”

Siri:”alcuni dei pezzi dei feti erano la ghiandola pituitaria fatta a pezzi?”

Plotkin:”sì.”

Siri:”inclusi i polmoni dei feti?”

Plotkin:”sì.”

Siri:”la pelle?”

Plotkin:”sì.”

Siri:”reni?”

Plotkin:”sì.”

Siri:”milza?”

Plotkin:”sì.”

Siri:”cuore?”

Plotkin:”sì”

Siri:”lingua?”

Plotkin:”non ricordo, ma probabilmente sì.”

Se si guarda il video della testimonianza si resta sconvolti dall’atteggiamento di Plotkin, che ostenta totale indifferenza quando riconosce di aver fatto uso di organi di bambini morti per sviluppare i suoi vaccini.

Lo scienziato sembra quasi annoiato dal dover ammettere quella che a lui sembra una pratica del tutto normale.

Non solo. Plotkin nella deposizione attacca le visioni della Chiesa Cattolica contro l’uso di feti abortiti nei vaccini, ma il medico non mostra alcun pentimento riguardo a questa pratica. Se ne dichiara “lieto”.

Ma la galleria degli orrori non si è limitata purtroppo solo a questo.

In altri estratti della deposizione, Plotkin ha confessato apertamente di aver usato come cavie dei bambini con ritardi mentali e altri bambini africani sotto il giogo coloniale, come il Congo Belga.

Sono stati usati anche orfani e bambini figli di madri detenute in prigione.

Tutto questo non è mai stato raccontato adeguatamente al pubblico italiano che probabilmente se sapesse come sono stati fatti i vaccini, avrebbe più di qualche remora sul loro utilizzo.

Le grandi case farmaceutiche non si sono fatte scrupoli a servirsi di soggetti socialmente deboli per esperimenti umani che chissà quali controindicazioni hanno avuto.

Ad ogni modo, Plotkin anche in questa circostanza non si scompone tanto ad aver giustificato la scelta di cavie umane tra “soggetti non funzionanti”.

E’ l’eugenetica dei vaccini che assomiglia molto all’eugenetica nazista.

Plotkin sta lavorando ad un vaccino anti-Covid

Quanto accaduto non è purtroppo solamente un brutto ricordo del passato. Il dottor Plotkin infatti non è uscito di scena. Non solo non è mai stato processato da un tribunale per essersi servito di cavie umane per i suoi esperimenti, ma continua ad essere ampiamente rispettato e accolto dai salotti delle élite globaliste.

Se si dà uno sguardo al suo cv, si vede che il suo ultimo e attuale incarico risulta essere attualmente presso il CEPI, della quale è consulente scientifico e co-fondatore.

Il CEPI è una fondazione che ha come obbiettivo la promozione dell’immunizzazione del mondo. Il suo motto “nuovi vaccini per un mondo più sicuro” lascia chiaramente intendere la filosofia che governa questa organizzazione.

I suoi finanziatori principali sono due. La fondazione di Bill Gates, la Bill and Melinda Gates Foundation, e il Forum di Davos.

CEPI è particolarmente rilevante perchè sta coordinando le ricerche delle maggiori case farmaceutiche per sviluppare un vaccino anti-Covid. Ricerche iniziate a gennaio, quando ancora non c’era nessuna emergenza, ma evidentemente l’obbiettivo dei circoli globalisti era già stato prefissato.

Chi è lo scienziato che sta prestando le sue “competenze” a queste grandi multinazionali? Proprio lui, il dottor Stanley Plotkin, come riporta questo articolo di ScienceMag.

In altre parole, l’uomo che ha usato cavie umane per sperimentare i vaccini e organi di bimbi morti sta collaborando con le industrie del farmaco per creare un vaccino anti-Covid.

Le stesse multinazionali per le quali il medico ha lavorato nel corso della sua carriera, tra le quali ci sono la Merckx, la Sanofi e la GlaxoSmithKline.

A questo punto, è più che lecito chiedersi se le procedure utilizzate, e rivendicate, per sviluppare i vaccini dal medico americano non possono essere attuate di nuovo ora per lo sviluppo di un vaccino contro il coronavirus?

Quel che è certo che è in moltissimi vaccini sono state usate cavie umane e organi di bimbi morti.

Se le grandi case farmaceutiche si sono avvalse della consulenza di un uomo come Plotkin, cosa garantisce che in un eventuale vaccino contro il coronavirus non ci siano nuovamente dei feti abortiti?

Cosa assicura che non vengano usati bambini orfani o africani come topi da laboratorio?

Se si sono nascoste prima le orribili verità su cosa viene messo nei vaccini, non è del tutto infondato pensare che anche ora si possa nascondere quello potrebbe essere messo in un vaccino contro il Covid.



Se gli italiani sapessero che in questo vaccino ci sono pezzi di organi di feti umani, se lo inietterebbero? Lo farebbero se sapessero che potrebbero essere stati usati bambini come cavie?

Domande che probabilmente resteranno senza risposta, perchè molti non sapevano prima e non sanno nemmeno ora che cosa viene messo in questi preparati.

Il lato oscuro dell’immunizzazione non deve essere raccontato. Le atroci verità sul business dei vaccini continuano a restare nascoste.

Questo blog si sostiene con le donazioni dei lettori. Se vuoi aiutare anche tu la libera informazione, clicca qui sotto.

https://www.paypal.me/CesareSacchetti

Un pensiero riguardo “Il dr. Plotkin: il medico che ha usato feti di bimbi morti per i vaccini sta lavorando ad un vaccino anti-Covid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *