Lo studio che ribalta tutto: l’untore d’Europa è la Germania

di Cesare Sacchetti

Uno studio pubblicato dal New England Journal of Medicine ribalta completamente la narrazione che ci è stata proposta finora.

Il primo caso di trasmissione umana del coronavirus in Europa è avvenuto in Germania, un mese prima del focolaio nel Nord – Italia. Tutti gli altri casi di trasmissione del virus sul continente europeo sono successivi al caso tedesco.

La notizia era stata già riportata dal quotidiano britannico The Guardian lo scorso 30 gennaio, ma è stata completamente trascurata dal circuito mediatico italiano e internazionale.

La prospettiva in questo caso cambierebbe completamente perchè ad infettare l’Europa non sarebbe stata l’Italia, bensì la Germania.

L’Italia quindi sarebbe stata vittima di una enorme campagna di diffamazione internazionale.

Una campagna alimentata dai media stranieri con la connivenza di quelli italiani che hanno completamente ignorato il caso tedesco.



Ma partiamo dalla ricerca in questione.

Lo studio del New England Journal of Medicine

Lo studio in questione è stato pubblicato dal New England Journal of Medicine la rivista scientifica della società medica del Massachusetts.

Si tratta di una delle più prestigiose riviste nel suo campo e la sua autorevolezza è indiscussa.

La ricerca ricostruisce meticolosamente la storia del primo caso di trasmissione umana di coronavirus in Europa.

Il paziente 1 è un uomo d’affari tedesco di 33 anni che è stato contagiato a Monaco di Baviera tra il 20 e il 21 gennaio.

E’ in questi due giorni che il 33enne è entrato a contatto con il paziente zero, una sua collega cinese di Shangai giunta nella città tedesca per partecipare a degli incontri di lavoro.




Il 24 gennaio, tre giorni dopo essere entrato a contatto con la donna, il paziente 0, l’uomo ha iniziato a manifestare i primi sintomi influenzali come gola secca, brividi e dolori muscolari.

L’indomani i sintomi si sono aggravati ulteriormente fino al manifestarsi di una febbre alta di 39 gradi.

Il 27 gennaio, il 33enne migliora spontaneamente fino a quando i suoi sintomi influenzali non spariscono del tutto.

Gli scienziati autori della pubblicazione fanno notare che la donna non ha manifestato alcun sintomo mentre si trovata in Germania.

La collega di Shangai ha iniziato a sentirsi male infatti quando già aveva fatto ritorno in Cina, una circostanza riferita alla sua società che ha allertato quindi il suo collega tedesco.

A quel punto, sono scattati i protocolli di rito.

Il 33enne è stato portato al centro medico di malattie infettive di Monaco, dove è stato sottoposto al tampone faringeo e all’esame della saliva, esami che hanno entrambi confermato la sua positività al Covid19.

L’uomo ha informato i medici che nei giorni successivi al suo recupero non ha più accusato alcun sintomo influenzale, ma è stato comunque sottoposto alle procedure di isolamento previste in questi casi.

Sono stati quindi ricostruiti tutti i passaggi del 33enne nei giorni precedenti al ricovero e il 28 gennaio è stato accertato che altri tre suoi colleghi di lavoro sono stati infettati dal virus.

Tutti quanti sono stati conseguentemente messi in quarantena, ma nessuno dei tre ha manifestato una sintomatologia particolarmente grave.

La ricerca che hanno presentato i virologi è praticamente fondamentale per comprendere da dove può essere scaturito il focolaio che potrebbe aver infettato il resto d’Europa.

E’ importante sottolineare il fatto che la collega cinese di Shangai ha contagiato il paziente 1, senza mostrare alcun sintomo di essere infetta da coronavirus.

Gli altri tre colleghi che sono risultati positivi al Covid19 erano anch’essi praticamente asintomatici, e quindi potrebbero aver infettato a loro volta le altre persone che sono entrate a contatto con loro, senza che queste poi abbiano mostrato sintomi preoccupanti.

I virologi hanno anche fornito a questo proposito una interessante tabella cronologica che ricostruisce tutti gli spostamenti dei pazienti infetti.

Perchè il caso della Germania è stato ignorato?

Se quindi c’è stato un primo focolaio accertato in Germania scaturito intorno alla terza settimana di gennaio, come si può accusare l’Italia d’essere stata l’untore d’Europa, quando qui i contagi sono esplosi solamente un mese dopo?

Soprattutto, perchè non si è parlato prima di questo caso quando i fatti erano stati già resi noti il 30 gennaio?

In Italia, in quel periodo c’era una campagna di delegittimazione nei confronti di chiunque chiedesse misure di quarantena precauzionali nei confronti di chi rientrava dalla Cina.

Il governo PD-M5S e larga parte dei virologi italiani hanno gravemente sottovalutato i rischi di questa epidemia, e soprattutto non hanno preso minimamente in esame cosa stava accadendo in Germania in quel periodo.

Se difatti il focolaio tedesco di coronavirus fosse stato subito preso in considerazione, probabilmente si sarebbe potuta prendere in considerazione l’eventualità di adottare le adeguate misure previste in questi casi.

I pazienti infettati a Monaco non manifestavano sintomi. Potrebbero essere entrati a contatto con persone che a loro volta avrebbero potuto infettare altri pazienti nel Nord – Italia?

I virologi italiani si sono premurati di fare un’indagine epidemiologica sul caso tedesco? Questa storia sta costando carissima all’Italia non solo in termini di reputazione internazionale, ma soprattutto anche per ciò che riguarda le conseguenze sulla già fragile economia nazionale.

Una recessione è alle porte, mentre i media internazionali come la CNN mostrano mappe diffamatorie  per far passare l’idea che l’Italia stia infettando il mondo.

La mappa della CNN che accusa l’Italia di essere l’untore del mondo

In tutta questa storia, l’unica preoccupazione dei media italiani è stata quella di screditare chi presentava gli studi di scienziati seri che hanno portato seri elementi a sostegno della tesi che il coronavirus sia il prodotto di un esperimento di laboratorio.



Nessuno però si è premurato di parlare di questo importantissimo studio che riguarda la Germania. Nessuno, in altre parole, ha cercato di mostrare un po’ di verità e di restituire dignità ad un Paese che ha subito un vero e proprio sciacallaggio internazionale.

L’Italia è stata vittima di una coordinata campagna mediatica diffamatoria e forse potrebbero sussistere anche gli elementi per aprire un’inchiesta giudiziaria.

Il problema è trovare dei magistrati disponibili a indagare su questo. Probabilmente sono troppo impegnati a chiedere di processare chi ha cercato di fermare il traffico di esseri umani.

Questo blog si sostiene con le donazioni dei lettori. Se vuoi dare il tuo contributo alla libera informazione, clicca qui sotto.

https://www.paypal.me/CesareSacchetti

6 pensieri riguardo “Lo studio che ribalta tutto: l’untore d’Europa è la Germania

  • 5 Marzo 2020 in 10:09
    Permalink

    Siamo così stupidi che siamo costretti ad augurarci che Bruxelles ci mandi un Kommissario, come era felicemente poco più di due secoli fa con ottimi governatori austriaci. Siamo rissosi ed incon-cludenti, impegnati al massimo nel cercare di sopraffarci l’un l’altro cercando sempre di farci aiuta-re in questa nobile impresa dagli altri, africani compresi. L’Europa non ci darà un euro ma ci auto-rizza ad aumentare il debito!! Ci chiederà il versamento delle nostre quote per aver l’onore di mandare i nostri europarlamentari a Bruxelles e a Strasburgo, mentre continuerà ad incassare i dazi su tutto ciò che importiamo extra UE.

    Risposta
    • 5 Marzo 2020 in 10:56
      Permalink

      Il nostro problema non sono gli stupidi. Il nostro problema sono gli italiani che hanno tradito il Paese e che si sono messi al servizio delle potenze straniere.

      Risposta
      • 5 Marzo 2020 in 12:36
        Permalink

        In Francia le giubbe gialle contestano Macron da molto tempo. Di Maio, pensando che i francesi fossero come gli italiani, si offrì di aiutarli contro Macron. Ebbe come risposta: No grazie, questi sono affari nostri. Celebre è il sorrisetto di Sarcosi ad una domanda la cui risposta che si attendeva era una dichiarazione contro Berusconi. I nostri europarlamentari di sinistra a Bruxelles erano diventati una barzelletta: passavano il tempo ad organizzare manifetsazioni contro il cavaliere. La nostra litigiosità caparbia è la nostra rovina. Ma la sinistra, priva di argomenti, si regge esaltando proprio questo aspetto deleterio del nostro carattere

        Risposta
        • 5 Marzo 2020 in 15:07
          Permalink

          Sì, ma le ricordo che Di Maio, che fino a ieri attaccava Macron, oggi si è alleato con il PD, il partito più macroniano d’Italia..

          Risposta
          • 5 Marzo 2020 in 16:01
            Permalink

            Vero, ma questo riguarda i napoletani che sono convinti di essere più furbi di tutti gli altri. Così che alla fine si imbrogliano da soli. Ma questa è un’altra storia.

  • 5 Marzo 2020 in 16:37
    Permalink

    Ogni anno si ammalano di influenza 5.000.000 di persone anche vaccinate e ne muoiono dai 250.000 ai 500.000 ..come mai tutto sto casino per il corona? Sicuramente qualcosa stanno tramando..tenete gli occhi aperti e non bevetevi tutte le notizie del sistema..

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *