George Soros:”ho dato 500 milioni di dollari ai migranti”

di Cesare Sacchetti

I media mainstream sostengono che accusare George Soros, il noto magnate americano di origini ebraiche, per il finanziamento ai migranti sia puro complottismo, o peggio persino antisemita.

Per smentire questa teoria, è sufficiente guardare cosa scriveva lo stesso fondatore della Open Society solamente due anni fa in un editoriale sul Wall Street Journal.

“Ho deciso di destinare 500 milioni di dollari per gli investimenti che individuano in maniera specifica le necessità dei migranti, dei rifugiati e nei centri di accoglienza”, cosi sì esprimeva al riguardo il miliardario 88enne.

Non solo. Soros stesso rivendica il suo ruolo nella creazione di quelle strutture che di fatto si rivelano essenziali per mettere in moto l’immigrazione illegale.

”Investirò in start-up, in società avviate, in iniziative di impatto sociale ed imprese fondate dai migranti e dagli stessi rifugiati.”

Il magnate non nasconde che la sua preoccupazione principale è quella di far “giungere i migranti in Europa” ma non per questo esclude il suo sostegno a tutti i migranti del pianeta che decidono di intraprendere il loro viaggio verso altri paesi, specialmente quelli occidentali.

Sarebbe quindi sufficiente citare le parole stesse di Soros per smontare una volta per tutte la narrazione mainstream, secondo la quale chi lo chiama in causa  sul fenomeno dell’immigrazione clandestina, lo fa solamente per le sue origini ebraiche.

Ma il presunto antisemitismo citato recentemente, ad esempio, dal Financial Times, viene smentito da rappresentati dello stesso Stato ebraico, Israele, che ha accusato il miliardario di ingerenze antidemocratiche negli affari israeliani.

Solamente l’anno scorso infatti arrivò contro Soros un duro atto d’accusa da parte di Emmanuel Nahshon, portavoce del ministro degli Esteri israeliano, che denunciò il ruolo del magnate nel “mettere a rischio i governi democraticamente eletti di Israele” oltre ai continui tentativi delle organizzazioni finanziate da lui di “screditare lo Stato ebraico e di negargli il diritto di difendersi.”

Se si volesse quindi seguire fino in fondo la logica del mainstream, ne si dovrebbe dedurre che gli stessi ebrei israeliani sono “antisemiti”, in quanto colpevoli di accusare Soros per le sue attività contro gli Stati nazionali.

In realtà, l’antisemitismo è solo l’ennesima cartina di tornasole che i media utilizzano per mettere al riparo il fondatore della Open Society dalle accuse nei suoi confronti.

Soros finanzia le carovane dei migranti dell’Honduras?

Se dunque è stato accertato il fatto, per ammissione dello stesso Soros, che 500 milioni di dollari sono usciti dalle tasche del magnate americano a sostegno dell’immigrazione clandestina, non è azzardato pensare che una parte di questi fondi possa essere finito a supporto delle carovane di migranti che dall’Honduras stanno tentando di raggiungere illegalmente gli Stati Uniti.

Lo stesso presidente Trump ha adombrato questa possibilità, e il fatto che Soros sia tra i finanziatori più attivi dei migranti in giro per il mondo, non può impedire di porre legittime domande sulle fonti di finanziamento dei migranti dell’America Centrale.

                I migranti dell’America Centrale in cammino verso il confine USA

Tra le molte anomalie di questo tipo di immigrazione, c’è il fatto che difficilmente può essere definita un processo spontaneo o una semplice “crisi migratoria”, come vorrebbe far credere la narrazione ufficiale.

I migranti della carovana per il loro viaggio utilizzano decine e decine di pullman, e durante le tappe del loro percorso hanno ricevuto persino l’assistenza dell’UNHCR, l’agenzia ONU per i rifugiati, che di fatto li sta aiutando ad immigrare illegalmente.

I finanziamenti per queste carovane provengono dai 500 milioni elargiti da Soros due anni fa? Tra le varie anomalie riguardo a questi spostamenti di massa, ce n’è un’altra in particolare.

I migranti ancora non sono giunti vicino al territorio degli Stati Uniti, e già hanno presentato un’azione legale presso la Corte distrettuale di Washington contro il dipartimento della sicurezza interna.

Un tipo di iniziativa che richiede necessariamente un’assistenza tecnica di legali americani che non può certo venire spontaneamente dal gruppo delle carovane.

I migranti giungono anche armati di Molotov ed armi che potrebbero essere presumibilmente utilizzate contro le guardie di frontiere al confine americano.

Una somiglianza impressionante con quanto sta accadendo in questi giorni invece a Velika-Kladusa, al confine tra Bosnia e Croazia, come riporta il giornale austriaco Kronen Zeitung,  migliaia di immigrati originari del Pakistan, dell’Iran e dell’Algeria, stanno attaccando armati di coltello gli agenti a difesa della frontiera tra i due paesi.

Secondo le guardie di frontiera locali, questi migranti avrebbero a disposizione carte prepagate che gli avrebbero consentito di affrontare le spese per il viaggio.

Questa immigrazione non è quindi un fenomeno spontaneo. Ci sono istituzioni e uomini che le finanziano e che le utilizzano per destabilizzare gli Stati nazionali. George Soros è sicuramente tra quegli uomini.

Comment (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *