Il Sudafrica pronto a legalizzare l’esproprio delle terre dei bianchi

di Cesare Sacchetti

I contadini bianchi boeri, discendenti dei coloni olandesi, del Sudafrica ora rischiano seriamente di perdere le loro proprietà terriere senza alcuna compensazione in cambio.

L’annuncio dell’introduzione di un emendamento nella costituzione sudafricana che preveda l’esproprio di terreni senza indennizzo è stato fatto lo scorso martedì dal presidente, Cyril Ramaphosa.

Il presidente del Sudafrica, Cyril Ramaphosa

Già nel febbraio di quest’anno, quando Ramaphosa iniziò il suo mandato, aveva promesso che avrebbe dato il via ad una “redistribuzione” delle proprietà terriere che sarebbero dovute passare dalle mani dei contadini boeri a quelle degli agricoltori di colore.

Ora il presidente ha chiesto ufficialmente al CNA, il Congresso Nazionale Africano, il partito più importante del paese che gode di un’ampia maggioranza nel Parlamento sudafricano, di dare il via all’iter legislativo che porterà all’introduzione di un emendamento costituzionale per procedere alle confische dei terreni.

“Il CNA attraverso il processo legislativo parlamentare completerà l’emendamento proposto in costituzione per delineare più chiaramente le condizioni alle quali l’espropriazione di terreni senza indennizzi può essere eseguita”, così si è espresso al riguardo Ramaphosa.

Lo spettro di ripetere la disastrosa esperienza dello Zimbabwe di Mugabe alla fine degli anni’90 sembra dunque avvicinarsi anche per il Sudafrica di Ramaphosa.

Mugabe infatti all’epoca decise di espropriare senza alcuna compensazione le terre dei contadini bianchi dello Zimbabwe, ma i risultati furono disastrosi.

Da esportatore netto di derrate alimentari, tale da guadagnarsi l’appellativo di “granaio dell’Africa meridionale”, lo Zimbabwe si trasformò in importatore e fu costretto a ricorrere agli aiuti del programma alimentare mondiale per sopravvivere.

Le ragioni del crollo della produzione agricola furono dovute principalmente all’assenza di contadini di colore specializzati nella coltivazione agricola, a differenza dei contadini bianchi dello Zimbabwe che avevano una elevata esperienza e specializzazione nel settore.

In Sudafrica, la situazione non pare differire troppo. I contadini boeri ad oggi restano gli unici dotati di una specializzazione consolidata nella coltivazione agricola e una loro “espulsione” dal settore porterebbe sicuramente gravi danni alla produzione.

Ad oggi, i boeri sono proprietari del 72% delle terre nel paese e gli effetti di una simile “redistribuzione” avrebbe gravi conseguenze per l’economia sudafricana.

Ma il problema non è solo di natura economica, ma anche soprattutto di diritti umani che sono costantemente violati nel Sudafrica post-apartheid.

Se ai tempi della segregazione razziale l’attenzione del mondo intero e dei media mainstream era rivolta costantemente al Sudafrica per terminare le odiose politiche di discriminazione nei confronti dei neri sudafricani, ora che la situazione si è capovolta a danno dei bianchi sudafricani, l’interesse degli attivisti per i diritti civili è praticamente evaporato.

I contadini boeri sono da tempo oggetto di violenti attacchi e persecuzioni che non di rado portano all’omicidio dei malcapitati.

Manifestazione di protesta dei contadini bianchi contro gli attacchi subiti

Secondo i dati pubblicati dal gruppo per i diritti civili Afriforum, solamente lo scorso anno la minoranza bianca di afrikaner ha subito 423 aggressioni e 82 omicidi.

Dall’inizio di quest’anno, si sono verificati già 109 attacchi e 15 omicidi.

La situazione ha generato un clima di paura e tensione nella comunità afrikaner, che sembra essersi già rassegnata a lasciare il paese in cerca di asilo altrove per sfuggire alle persecuzioni razziali.

ll mese scorso era stato Peter Dutton, il ministro australiano per gli affari interni, ad offrire visti di emergenza ai contadini boeri e il fatto suscitò le ire di Julius Malema, il capo dell’opposizione sudafricana dei combattenti economici per la libertà, che aveva accusato di “razzismo” l’Australia per la sua decisione.

Più recentemente i boeri si sono rivolti anche alla Russia, e una loro delegazione di 30 famiglie si è recata in visita a questo proposito nella regione di Stavropol che potrebbe presto concedere ai contadini sudafricani vasti appezzamenti di terra non coltivata e sfruttare così la loro professionalità agricola in materia.

E’ un caso molto grave di persecuzione razziale, e in questi giorni viene da pensare ai titoli dei giornali italiani che parlano di una emergenza razzismo non supportata da nessun dato statistico reale.

In Sudafrica le statistiche ci sono e le persecuzioni anche, eppure non c’è traccia nei media di tutto questo. Evidentemente se il razzismo è contro i bianchi, non fa notizia.

 

 

Comment (1)

  • Nel caso della Rhodesia, non persero “solo” la capacità produttiva, ma anche tutte le competenze nel settore dei vigneti etc.
    Senza contare che le terre espropriate non sono andate a beneficio di contadini poveri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *